È splendida Italia: 1 a 0 in Polonia

Scritto da  Ott 14, 2018

CHORZOW - Una bellissima Italia, vince nei minuti di recupero e lotta ancora per le finali del torneo. Volti conosciuti al pubblico italiano quelli schierati nella formazione polacca, mentre Mancini ripresenta il doppio playmaker (Verratti e Jorginho) con la novità Barella in aiuto, affidandosi poi alla rapidità e qualità del tridente offensivo: Bernardeschi-Insigne-Chiesa. Una partita che potrebbe sancire la retrocessione degli azzurri in questa Nations League, in caso di sconfitta.
Non passa neanche un minuto che Jorginho colpisce l’incrocio dei legni con un tiro da fuori. L’Italia sembra in palla in questi primi minuti: intesse buone trame in fase di palleggio e all’8 Insigne tenta l’eleganza di un lob dal limite ma la sfera esce. Gli azzurri rimangono comunque in pressione.
Al 23’ funziona bene il tridente e il pallone arriva a Bernardeschi ma la conclusione esce, creando tuttavia un pericolo. La Polonia sembra barcollare e alla mezz’ora Insigne spaventa il pubblico di casa, colpendo la traversa da centro area.
La partita non ha tregua e prima Chiesa sfiora un pallone di testa, poi Jorginho impegna severamente l’estremo difensore avversario. Sulla ripartenza i biancorossi trovano un corner grazie ad un tiro di Milik, ma il pericolo sfuma.
In compenso, Szczesny compie un miracolo al 35’ deviando in angolo un bel colpo di testa di Chiellini. Un minuto più tardi è poi bravo su una botta da fuori di Bernardeschi.
La tensione rimane alta e questa volta, al 44’ per l’esattezza, Italia ancora vicina al vantaggio: è il turno di Florenzi ma Szczesny è ancora reattivo e disinnesca il pericolo.
Finisce la prima frazione ma il pareggio sta molto stretto alla compagine azzurra.
Nel secondo tempo, due cambi per la Polonia (entrano Blaszczykowski e Grosicki per Linetty e Szimanski), mentre l’Italia rimane invariata.
Al 57’ prima vera occasione della partita per la Polonia: Grosicki supera Biraghi in area ma Donnarumma è bravo ad intervenire sventando la minaccia successiva al tiro.
Due minuti dopo l’opportunità capita proprio a Biraghi per portare in vantaggio gli azzurri ma il tiro al volo termina alle stelle.
La formazione di Mancini continua a fare possesso di palla e a rendersi pericolosa ma ancora non riesce a trovare la via del gol. Nemmeno Bernardeschi quando, al 70’, ha sulla testa un pallone unico da essere buttato in porta; ma sbaglia e il tiro esce alla destra di Szczesny. La situazione si ribalta pochi istanti dopo quando prima Grosicki poi Milik mandano alle ortiche il possibile vantaggio casalingo. Sul primo tiro, ottimo l’intervento di Donnarumma.
A dieci minuti dalla fine, Mancini sostituisce un attivo Bernardeschi con Lasagna, esordio per quest’ultimo. Poco dopo, Piccini per Florenzi.
È ancora forcing azzurro fino al secondo dei tre minuti di recupero quando l’Italia passa meritatamente in vantaggio. È Biraghi che raccoglie un pallone dall’assist di Lasagna e insacca lo 0 a 1. Tripudio in panchina che si moltiplica al triplice fischio. Gli azzurri sono ancora in corsa per la Final Four della Nations League.



POLONIA (4-3-1-2): Szczesny; Bereszynski, Glik, Bednarek, Reca (87’ Jedrzejczyk); Szimanski (45’ Grosicki), Goralski, Linetty (45’ Blaszczykowski); Zielinski; Milik, Lewandowski. Ct: Brzeczek
ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Florenzi (83’ Piccini), Bonucci, Chiellini, Biraghi; Verratti, Jorginho, Barella; Bernardeschi (80’ Lasagna), Insigne, Chiesa. Ct: Mancini
Arbitro: Damir Skomina
Reti: 92’ Biraghi (I)
Note: ammoniti 31’ Jorginho (I)

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.