Stampa questa pagina

Imolese Calcio - Ostacolo Carrarese negli ottavi di Coppa

Scritto da  Feb 05, 2019

Per un rossoblù, quello del Bologna, che al netto della vittoria ottenuta sull'Inter domenica sera rimane al di sotto delle aspettative fissate ad inizio anno, in provincia ce n'è uno che sta andando ben oltre ogni più rosea previsione. È quello dell'Imolese Calcio 1919, che si appresta a festeggiare la ricorrenza del centenario dalla fondazione con una stagione da record.

Ripescata tra i professionisti lo scorso 3 Agosto, dopo due secondi posti di fila nel campionato di Serie D, la compagine del presidente Spagnoli sta stupendo gli addetti ai lavori con un cammino decisamente non pronosticabile ai blocchi di partenza. Ne è testimonianza il terzo posto in classifica nel girone B della Serie C, alle spalle del famelico Pordenone, in fuga verso il salto di categoria, e della blasonata Triestina, distante appena due lunghezze. I trentotto punti registrati in classifica sono la cartina tornasole di un andamento da capogiro, nel quale la creatura plasmata dall'emergente tecnico Alessio Dionisi ha praticamente raggiunto l'obiettivo stagionale già a fine Gennaio, con la possibilità di alzare l'asticella verso un realizzabile piazzamento nella prima metà di classifica e contestuale qualificazione ai play-off. Mai così in alto in classifica, l'Imolese può scrivere una nuova pagina della sua storia eguagliando o superando il nono posto raggiunto nella stagione 1969/70, miglior piazzamento di sempre per il sodalizio di via D'Acquisto.

Non solo campionato, però: dopo l'esperienza estiva della Coppa Italia, terminata al secondo turno con la sconfitta per 3-1 sul campo del Benevento, l'Imolese ha macinato gioco e risultati positivi anche nella Coppa di categoria. Dopo aver eliminato le corregionali Ravenna e Rimini nel primo triangolare, Valentini e compagni hanno fatto loro i prestigiosi scalpi di Pistoiese e Lucchese. E sarà un'altra toscana, la Carrarese, l'avversaria degli ottavi di finale in programma nella giornata di domani, con il calcio d'inizio fissato alle 15.00 sul prato del Romeo Galli, campo di casa dei rossoblù (direzione di gara affidata al signor Pashuku di Albano Laziale).

Trattasi del secondo scontro stagionale tra la formazione di mister Silvio Baldini, già sulle panchine di Serie A tra Empoli, Parma, Lecce e Catania, e quella romagnola. Il medesimo scontro, infatti, fu già disputato a fine Luglio in terra apuana nel primo impegno stagionale di ambo le squadre, in quel primo turno di Coppa Italia nel quale l'Imolese espugnò il Dei Marmi di Carrara grazie ad una rete di Michael De Marchi, ariete offensivo della squadra imolese. Il sorteggio offre dunque ai gialloblù, approdati agli ottavi grazie all'entusiasmante vittoria (3-4) sul campo della Virtus Entella, la possibilità di rivincita con una posta in palio forse meno attraente - se non altro per il maggior prestigio della kermesse transcategoriale - ma comunque allettante. Non è casuale che entrambi i tecnici, nelle dichiarazioni della vigilia, abbiano pubblicamente espresso l'intenzione di schierare buona parte dei titolari, affiancando loro alcuni nuovi arrivati nel mercato di Gennaio e quanti hanno trovato meno spazio nelle rotazioni.

Per il pubblico di fede imolese, dunque, la possibilità di ammirare da vicino giocatori del calibro di Francesco Tavano e Massimo Maccarone (in azione, nella foto, in occasione del match di Coppa Italia), attaccanti i cui curriculum parlano da soli, entrambi convocati per la trasferta. Sul fronte locale Dionisi può contare su tutto il roster a disposizione eccetto il terzino Garattoni, infortunatosi ad un piede, e l'esterno offensivo Aaron Tabacchi, virgulto del vivaio del Bologna appena approdato in rosa ancora alla ricerca della miglior condizione dopo i problemi fisici che lo hanno attanagliato nell'ultimo anno e mezzo.

Claudio Leone

Palermitano di nascita, valledolmese di crescita (e nel cuore), imolese dall'adolescenza in poi. Innamorato del calcio in ogni sua espressione, vivo di curiosità, con picchi di entusiasmo fanciulleschi nel nutrirmi di storie poco note. Segno distintivo: politeista. Venero Roby Baggio, Federico Buffa ed altri personaggi del mondo sportivo.