Imolese, non basta la spinta del pubblico: 1-1 con il Renate

Scritto da  Mar 10, 2019

 

 

Imolese Calcio 1919 - Renate 1-1

Imolese Calcio 1919 (4-3-1-2): Rossi; Sciacca, Checchi, Carini, Tissone (46’ Boccardi); Hraiech, Carraro, Valentini (71’ Bensaja); Mosti (76’ Ranieri); Rossetti (46’ De Marchi), Lanini (86’ Giovinco). A disp. Turrin, Bensaja, Cappelluzzo, Giannini, Zucchetti, Gargiulo. All. Alessio Dionisi

 

Renate (4-4-2): Cincilla, Caverzasi (87’ Caccin), Priola, Vannucci, Anghileri; Guglielmotti, Quaini, Pavan, Simonetti; Piscopo (78’ Gomez), Spagnoli (87’ Finocchio). A disp. Colnago, Pattarello, Venitucci, Rada, Rossetti, Vassallo. All. Leonardo Colucci

 

Arbitro: Lorenzin di Castelfranco Veneto

Assistenti: Torresan di Bassano del Grappa e Caso di Nocera Inferiore

Marcatori: 1’ Anghileri (R), 39’ Checchi (I)

Note: Ammoniti Hraiech, Piscopo. Recupero 1’ pt, 3’ st.

 

Il record storico di punti è solo rimandato. In un Romeo Galli gremito dalla presenza dell’intero settore giovanile e dagli spettatori accorsi grazie ai prezzi popolari, Imolese e Renate danno vita ad una gara non particolarmente entusiasmante, nella quale la formazione lombarda imbriglia il gioco locale e porta a casa un punto sommariamente meritato.

 

Partenza di gara da incubo per i rossoblù, sotto nel punteggio dopo meno di un minuto: Guglielmotti si fa largo tra le maglie di una difesa non particolarmente attenta e serve un passaggio filtrante per il taglio di Anghileri, che sorprende tutti i giocatori di movimento locali e batte Rossi da posizione ravvicinata. Il 4-4-2 scolastico del Renate mette in difficoltà un’Imolese mai incisiva, la quale riesce a pervenire al pari al 39’ solo su calcio piazzato. Sugli sviluppi del corner battuto da Mosti, la testata di Checchi sul secondo palo supera Cincilla e fa gioire la giovane platea presente sugli spalti. Nel finale di frazione Lanini avrebbe l’occasione per rimpinguare il bottino personale di reti, ma il tiro di controbalzo dal limite, apparentemente innocuo, è parato con qualche difficoltà dall’estremo brianzolo.

 

Il canovaccio tattico del primo tempo non varia nella ripresa, con le due squadre raramente pericolose su ambo i fronti. Un’occasione per parte nei primi tre minuti: al 47’ Mosti colpisce di collo esterno dal limite ed è provvidenziale la deviazione in corner di Priola, sessanta secondi dopo Rossi è provvidenziale sull’incursione di Quaini corretta verso la propria porta da Carini. Clamorosa, al minuto 80, l’occasione fallita dai locali: Bensaja difetta nel controllo ma riesce comunque a calciare, chiamando Cincilla al colpo di reni per parare la conclusione; sulla palla vagante in area Hraiech in corsa calcia alto, ultima occasione di un match che lascia l'amaro in bocca.

Ultima modifica il Domenica, 10 Marzo 2019 20:01
Claudio Leone

Palermitano di nascita, valledolmese di crescita (e nel cuore), imolese dall'adolescenza in poi. Innamorato del calcio in ogni sua espressione, vivo di curiosità, con picchi di entusiasmo fanciulleschi nel nutrirmi di storie poco note. Segno distintivo: politeista. Venero Roby Baggio, Federico Buffa ed altri personaggi del mondo sportivo.