We Love Football - Resoconto prima giornata girone C

Scritto da  Apr 17, 2019

 

 

In uno stadio “Biavati” recentemente ristrutturato di tutto punto, torna il consueto appuntamento con il torneo internazionale “We Love Football” giunto ormai alla sua IV edizione. Sui campi selezionati nell'impianto di Corticella, vanno in scena due dei gironi di qualificazione più interessanti di tutta la competizione: il C (Roma, Sassuolo, Lokomotiv e Montreal) sul centrale, mentre il D (Bologna, Ajax, Bellmare e Milan) sul più defilato sintetico.

 

Prima partita del girone: Roma v. Sassuolo

(0-1)

La partita. Onestamente bruttina. Tanta fisicità e tecnica rivedibile. Un sacco di palle lunghe, diversi controlli sbagliati nonostante un manto erboso perfetto. La Roma forse avrebbe meritato qualcosa in più, ma alla fine la vince il Sassuolo con un contropiede allo scadere. Assist di Kumi e tap-in vincente di Boakye.

Lente d’ingrandimento. Come sempre, segnalo il migliore in campo. In questo match decisamente poco spettacolare, sottolineo la prestazione del numero 7 romanista Koffi Uberson. Esterno offensivo con le classiche movenze del furetto imprevedibile. Ci prova con un sinistro a giro nel primo tempo. Guadagna diversi corner e salta spesso il suo diretto avversario. Ai giallorossi non è bastato, ma nel contesto generale è sembrato il più pimpante.

Seconda partita del girone: Montreal Impact v. Lokomotiv Zagabria

(0-0)

La partita. Molto, ma molto meglio i canadesi rispetto ai croati. Il tifo d’Oltreoceano si è fatto sentire, ma non è servito. Il Montreal può recriminare per un gol annullato e soprattutto per una palla finita a fil di palo dopo un destro calciato “alla Del Piero” da capitan Saliba.

Lo 0 a 0 probabilmente scontenta tutti, ma il girone è appena cominciato.

Lente d’ingrandimento. Nathan Saliba. Capitano e metronomo del centrocampo. Fisico e personalità. Si fa dare la palla e non ha paura di giocarla con entrambi i piedi. Testa (quasi) sempre alta. Lucido nelle scelte. Sicuramente un bel prospetto.

State con noi, perché domani ci butteremo sul girone del Bologna.

Ultima modifica il Lunedì, 30 Marzo 2020 18:49
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League