Stampa questa pagina

Premier League – Resoconto 37a giornata

Scritto da  Mag 07, 2019

 

 

A 90 minuti dal termine del campionato, cominciano a piovere i primi verdetti di questa equilibratissima stagione. Tanto per iniziare, il successo del Crystal Palace a domicilio del Cardiff ha ufficializzato l’aritmetica retrocessione dei “Blue Birds” in seconda serie. La squadra diretta da Neil Warnock torna dunque in cadetteria, seguendo la caduta verticale di Huddersfield e Fulham.

Capitolo “Relegation Zone” chiuso: a tutte e tre, gli auguri di una pronta risalita.

A proposito di Huddersfield, i “Terriers” ormai spacciati da tempo, fermano lo United sull’uno a uno costringendo i Red Devils ad abbandonare la “corsa Champions” con una giornata di anticipo. Sempre per quanto riguarda la qualificazione alla prossima Coppa dei Campioni, non fa molto meglio l’Arsenal (che tuttavia potrebbe raggiungere la fase a gironi della coppa dalle grandi orecchie vincendo l’Europa League) fermata all’ Emirates da un Brighton ormai in acque tranquille. Per i “Gunners”, l’ennesima occasione persa.

Welcome Back. Questi però sono anche giorni di giubilo per le neopromosse dalla Championship. Norwich e Sheffield United possono festeggiare il loro ritorno nel massimo campionato rispettivamente dopo 3 e 12 anni, mentre il terzo ed ultimo posto disponibile per il "paradiso", sarà occupato da uno dei quattro club impegnati nei play off promozione ( Leeds, Derby County, Aston Villa e WBA).

Giovani di belle speranze al “TOP” di giornata.

TOP (1) Marc Travers. Se le Cherries strappano tre - prestigiosissimi - punti contro il Tottenham, il merito è soprattutto del portiere Marc Travers. Certo, il gol decisivo lo segna Ake al 94’, ma l’estremo difensore irlandese salva la porta del Bournmeouth dal bombardamento Spurs per tutta la durata dell’incontro. 5 forse 6 paratone decisive. Una, clamorosa, al 37’ sulla zuccata ravvicinata di Dele Alli.

Classe 1999, battezza la sua prima da titolare vincendo il premio di “man of the match”. Che altro dire?

TOP ↑ (2) Harvey Elliott. Minuto 88 di Wolves - Fulham. I “Cottaggers”, sostituiscono il centrocampista camerunense Frank Anguissa con lo sconosciuto Harvey Elliot proveniente dalle giovanili. Tutto nella norma per una partita di fine stagione senza più obiettivi, se non fosse che il piccolo Harvey è nato il 4 aprile del 2003. A 16 anni e 30 giorni, è diventato così l’esordiente più giovane nella storia della Premier League ...

 

 

Tutti i risultati

Everton v. Burnley 2-0

(17’ Mee O.G, 20’ Coleman)

Bournemouth v. Tottenham 1-0

(90’+1 Ake)

West Ham v. Southampton 3-0

(16’-69’ Aranutovic, 72’ Fredericks)

Wolves v. Fulham 1-0

(75’ Dendocker)

Cardiff v. Crystal Palace 2-3

(31’ Kelly O.G., 90’ Reid);(28’ Zaha, 39’ Batshuayi, 70’Towsend)

Newcastle v. Liverpool 2-3

(20’Atsu,54’ Rondon);(13’ Van Dijk, 28’ Salah, 86’ Origi)

Chelsea v. Watford 3-0

(48’ Loftus- Cheek,51’ Luiz, 75’ Higuain)

Huddersfield v. Manchester United 1-1

(60’ Mbenza);(8’ McTominay)

Arsenal v. Brighton 1-1

(9’ Aubameyang); (61’ Murray)

Manchester City v. Leicester 1-0

(70’ Kompany)

 

STATS

Goals

22 - Salah (Liverpool)

20 - Aguero (Manchester City)

20 - Manè (Liverpool)

 

Assists

15 - Hazard (Chelsea)

14 - Fraser (Bournemouth)

12 - Eriksen (Tottenham)

 

 

Classifica

95 Manchester City, 94 Liverpool, 71 Chelsea, 70 Tottenham, 67 Arsenal, 66 Manchester United, 57 Wolves, 53 Everton, 51 Leicester, 50 Watford, 49 West Ham, 46 Crystal Palace, 45 Bournemouth, 42 Newcastle, 40 Burnley, 38 Southampton 36 Brighton, 31 Cardiff, 26 Fulham, 14 Huddersfield

Ultima modifica il Martedì, 07 Maggio 2019 16:53
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League