foto Rai.it foto Rai.it

Europei Under 21 - L'Italia batte il Belgio (3-1) ma c'è da aspettare

Scritto da  Giu 22, 2019

REGGIO EMILIA - L’Italia sconfigge per 3 a 1 il Belgio ma la concomitante larga vittoria della Spagna sulla Polonia, relega gli azzurri al secondo posto. In attesa di vedere le partite degli altri gironi e capire se l’Italia riuscirà a passare alle semifinali di questi Europei.
La prima vera occasione capita agli azzurri che, al 7’, mancano con Barella un gol che i più danno invece per certo: dalla sinistra arriva un cross perfetto per il centrocampista attualmente al Cagliari, ma il buon tuffo del sardo non è sufficiente al colpo di testa per insaccare la palla in rete. Il tutto a 4/5 metri dalla porta.
Poco dopo, in un rapido ribaltamento di fronte, Lukebakio si infila bene dalla sinistra e batte secco verso la porta; fondamentale il bel intervento di Meret a sventare il pericolo.
Al quarto d’ora è bravo Chiesa a farsi trovare pronto sulla destra, all’interno dell’area, ma il suo tiro verso la porta si alza oltre la traversa. Ancora Italia che, un minuto più tardi, ci prova con Mandragora da fuori area ma il pallone, ben tenuto a terra, sfiora solo il palo alla sinistra di De Wolf.
Al 24’ è interessante la percussione sulla trequarti destra di Mancini ma il tiro del difensore azzurro si impenna e non è pericoloso.
Passano dieci minuti e la squadra di Di Biagio ha un’altra buona occasione: da dentro l’area, Locatelli è bravo a mettere un buon cross dalla destra su cui mancano però una decina di centimetri affinché sia raggiunto efficacemente da Pellegrini e l’azione sfuma.
Al 40’ Chiesa viene graziato per un pestone con calcetto ai danni di Saelemaeker non visto (neanche al Var) ma tre minuti più tardi l’Italia passa in vantaggio: arriva un pallone alto in area, Barella colpisce una prima volta ma il suo tiro viene parato da De Wolf, sulla ribattuta il centrocampista azzurro interviene ancora una volta ed è quella buona: 1 a 0 e gli azzurri tirano un primo sospiro di sollievo.
Non c’è altra cronaca in questa prima frazione di gioco che termina con un minuto aggiuntivo
Cinque minuti passati nel secondo tempo e si vede subito l’Italia con un tentativo di girata in area di Pellegrini ma il tiro viene soffocato dal corpo di un difensore. Ma è al 7’ che il Mapei esulta: la girata di testa a centro area di Cutrone è efficace e supera in mezzo lob il portiere belga: 2 a 0 per l’Italia ma, al momento, il 3 a 0 della Spagna sulla Polonia al Dall’Ara pone gli azzurri al secondo posto del girone.
Buona opportunità anche per Locatelli (bella prestazione la sua) al 64’ ma il tiro in scivolata esce alla destra delpalo difeso da De Wolf. Passa appena un minuto ed è ancora l?italia a farsi pericolosa con una botta secca e violenta di Mandragora a cui si oppone molto bene De Wolf. Gli azzurri stanno spingendo per trovare la terza marcatura.
Il Belgio tuttavia non demorde tanto che al 78’ accorcia le distanze con un gol bellissimo, a giro sull’incrocio alla sinistra di Meret che rimane immobile: 2 a 1 ma gli azzurri non si possono permettere disattenzioni (nel frattempo la Spagna sta vincendo per 4 a 0).
Tre minuti più tardi ci prova ancora il Belgio con un tiro da fuori di Mbenza ma il pallone è ben bloccato da Meret.
All’86’ grande stacco di testa per Mancini che colpisce, però, la base del palo per poi essere scaraventata fuori area dalla difesa belga.
Due minuti più tardi l’Italia esulta per un bellissimo gol di Chiesa (dribbling stretto in area e tiro a giro nell’incrocio del ma l’arbitro in un primo tempo annulla per fuorigioco che in realtà si dimostra non esserci. Difatti, l’arbitro attende un po’ ma poi concede la marcatura: 3 a 1,  partita chiusa e qualificazione in tasca.
 

Italia (4-2-3-1): Meret; Calabresi, Mancini, Bastoni, Pezzella; Barella (89’ Dimarco), Mandragora; Locatelli (72’ Tonali), Chiesa, Pellegrini (80’ Bonazzoli); Cutrone. Allenatore: Di Biagio
Belgio (4-4-2): De Wolf; Cools, Bushiri, Bornauw, Cobbaut; Bastien (58’ Mangala), Heynen, Schrijvers, Omeonga (58’ Verschaeren); Saelemaekers (74’ Mbenza), Lukebakio . Allenatore: Walem
Arbitro: Jovanovic (Serbia)
Reti: 43’ Barella, 53’ Cutrone, 88’ Chiesa (I); 79’ Verschaeren (B)
Ammoniti: 45’ Saelemaeker, 56’ Cools, 57’ Bushiri, 62’ Mangala, 71’ Verschaeren, 76’ e 90’ Mbenza (B); 65’ Locatelli, 90’ Chiesa, 94’ Pezzella, 95’ Mancini (I)
Espulsi: per doppia ammonizione Mbenza (B)

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.