Coronavirus - "L'applauso di medici e infermieri alle dimissioni, che commozione"

Scritto da  Mar 27, 2020

Il Resto del Carlino in edicola questa mattina riporta le parole di Davide Guidotti, 54 anni, paziente di Rastignano guarito dal coronavirus.

"Una delle cose che non dimenticherò mai - comincia così il racconto del paziente dimesso - sono quei ragazzi che mi hanno assistito nel reparto di Malattie Infettive dell'ospedale Sant'Orsola-Malpighi. Sono stato dimesso mercoledì sera - continua Guido - adesso sono in quarantena forzata finché non avranno effettuato il tampone di verifica della mia negativizzazione al virus".

L'uomo è stato ricoverato lo scorso 29 febbraio, i primi sintomi sono stati febbre alta e difficoltà a respirare: "ero proprio in affanno e facevo fatica" - queste le sue parole. Anche la moglie e la figlia del 54enne sono risultate, poi, positive al covid-19 ma in modo asintomatico. Ancora non sono state chiarite le possibili cause del contagio.

Infine, Guido fa un plauso a tutto gli operatori sanitari: "fanno un lavoro eccezionale considerando le condizioni in cui stanno lavorando. Lavorano senza mai fermarsi. Mi commuovo ancora per tutto quello che hanno fatto per me".

Fonte - Il Resto del Carlino/Marcello Giordano

Ultima modifica il Venerdì, 27 Marzo 2020 08:09
Antonio Cetani

Giornalista freelance, laureato in Comunicazione. Seguo ogni tipo di sport, dal calcio al basket passando per il tennis e i motori. Ho due passioni: la politica e la lettura.