N'Golo Kanté, 29 anni, centrocampista del Chelsea N'Golo Kanté, 29 anni, centrocampista del Chelsea fonte immagine: ilbianconero.com

Ripresa calcio europeo, istruzioni per l'uso: in Bundes si gioca Borussia-Bayern e la Liga riparte. Premier League, Kanté pronto a scioperare

Scritto da  Mag 26, 2020

L’Europa del calcio guarda avanti. Il pallone ha ricominciato a correre in molti campi in tutta Europa, ma soprattutto in Germania, dove a dispetto di qualche intoppo in Zweite Bundesliga, la Bundesliga procede a gonfie vele. Stasera in Germania, comincerà il terzo turno dalla ripresa, il primo in infrasettimanale e alle 18,30 sarà il turno del “Der Klassiker”, la partita più attesa, il match che può condizionare la vittoria finale del Meisterschale 19/20: Borussia Dortmund-Bayern Monaco. Come procede nel resto d’Europa?

LIGA- Dopo alcuni giorni di intense trattative e indiscrezioni, la Liga grazie al lavoro del suo AD Javier Tebas è giunta ad un accordo col Governo. Nel fine-settimana infatti il primo ministro Pedro Sanchez ha annunciato che il massimo campionato spagnolo ha l’autorizzazione per la ripartenza dal prossimo 8 giugno. La Liga vuole rimettersi immediatamente in moto e lo farà secondo quanto dichiarato dall’AD Tebas a partire probabilmente dal prossimo 11 o 12 giugno

PREMIER LEAGUE- In Inghilterra la situazione è ancora da definire. Se in Scozia la Premiership è stata dichiarata conclusa a 5 giornate dal termine, nel sud dell’Isola britannica la situazione è ancora in stallo.
Nonostante il Governo britannico abbia già concesso alla Premier il permesso di ripartire addirittura dal prossimo 1° giugno, gli organi direttivi della Lega inglese non hanno ancora scelto una data per la ripartenza. Esistono infatti grosse resistenze anche da parte dei calciatori, che vista la situazione ancora difficile in tutto il Paese avrebbero paura di ricominciare a giocare. Su tutti N’Golo Kanté, il mediano del Chelsea, dopo aver ripreso negli scorsi giorni gli allenamenti, ha deciso di non allenarsi più per paura del contagio e di saltare anche il resto della stagione nel caso in cui si riprendesse a giocare. Una posizione forte che ora si teme potrebbero prendere anche altri suoi colleghi Oltremanica.

IL RESTO D’EUROPA- Nel resto d’Europa, ugualmente, la situazione volge alla ripresa dei campionati. Esclusi i campionati già terminati (Scozia, Francia, Olanda e Belgio), in tutto il Vecchio Continente le Leghe si stanno attrezzando per portare a termine la stagione. In Repubblica Ceca sono tornate in campo le squadre negli scorsi giorni, così come in Ungheria. Presto, entro la fine di maggio, sarà il turno di Danimarca, Polonia, Serbia. Da giugno invece riprenderanno anche altri importanti tornei europei come la Liga portoghese (il 3 o 4 giugno), che verrà seguita anche da Slovenia, Croazia, Montenegro e soprattutto il campionato greco. A metà giugno, assieme alla Liga Spagnola, riprenderà anche il campionato turco che godrà di particolare attenzione visto che Istanbul alla fine del mese di agosto sarà protagonista della finale di Champions League. Dopo la metà di giugno, si rivedranno in campo anche i campionati di Norvegia, Svizzera e Russia. Ultima in ordine di tempo sarà invece la Finlandia, la cui ripresa è prevista per il 1° luglio.

LIGUE 1- Farà discutere a lungo la scelta della LFP. I francesi hanno deciso che il 22 agosto sarà la data di ripartenza della stagione 20/21, una decisione che inevitabilmente creerà degli squilibri. In quella data infatti nella maggior parte delle nazioni del Vecchio Continente, e per le competizioni UEFA, sarà ancora in corso la stagione 19/20. Questo comporterà che la stagione del calcio transalpino ricomincerà senza che il resto dell’Europa avrà effettivamente finito le proprie competizioni, ma soprattutto con il calciomercato non ancora aperto nella maggior parte del continente.

 

Stefano Francesco Utzeri

Studio Giornalismo all'Università di Parma inseguendo il mio sogno: raccontare lo sport e i suoi protagonisti. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.