Il Resto del Carlino - Conte, tanta rabbia e delusione: «Non siamo una grande squadra» 90min

Il Resto del Carlino - Conte, tanta rabbia e delusione: «Non siamo una grande squadra»

Scritto da  Lug 06, 2020

Il volto di Antonio Conte a fine partita è un insieme di rabbia e delusione. L’ex ct della nazionale pregustava il -1 alla Lazio in seconda posizione, con la sua squadra avanti di uno a zero, il Bologna in inferiorità numerica e quel rigore che avrebbe abbattuto anche un elefante africano.

Ma l’Inter crolla sul più bello, ciao Lazio, addio scudetto: l’entusiasmo del baby Bologna travolge i nerazzurri. «L’avevamo praticamente vinta. Dobbiamo fare ancora dei grandi passi per diventare una grande squadra», così il tecnico dell'Inter al termine della sfida.

E l’aria tra le fila meneghine comincia a farsi pesante per alcuni, come per Lautaro Martinez, che da quando è stato associato al Barcellona sembra aver perso lucidità, diventando un lontano parente del giocatore ammirato nella prima parte di stagione. «Non dico nulla sull’episodio del rigore, sono cose che rimangono in spogliatoio». E su chi gli chiede se d’ora in poi sarà Lukaku a tirare i rigori: «Ognuno deve prendersi le proprie responsabilità. Sono molto deluso e spero che lo siano anche i ragazzi, dobbiamo dimostrare di valere l’Inter. La qualificazione alla Champions non è garantita, ci troviamo ad un livello più basso rispetto a quello che dovremmo essere».

 

Michael Mucci

La vita è come un sentiero avvolto dalla nebbia: devi avere il coraggio di cercare e prendere delle deviazioni.

Appassionato di viaggi, fotografia e Bologna FC. Sogno nel cassetto: diventare un Fotoreporter.