Premier League: il punto dopo la quinta giornata

Scritto da  Ott 20, 2020

 

Cinque partite e una coppa di testa che non ti aspetti. Everton davanti, Aston Villa secondo, come non fosse Premier League, lega appannaggio dei club più ricchi (vero fino a un certo punto...), ma una vecchia First Division dove tutti possono dire la loro. Con la vittoria del Wolverhampton a Leeds e lo 0-0 tra West Bromwich e Burnley, si è chiusa la quinta giornata di Premier League ricca ancora una volta di reti e non avara di sorprese. A partire dal derby di Liverpool, dove, nonostante Goodison Park deserto come del resto tutti gli impianti in epoca Covid, i fari erano puntati sui blu e sui rossi. Il Liverpool di Klopp stava per portare a casa una partita insidiosa e difficile, che tornava dopo molti anni ad essere una sfida d'altra classifica. In vantaggio subito con Mané, raggiunto da Kean, avanti di nuovo con Salah, il Liverpool si è fatto raggiungere da Calvert-Lewin e aveva nonostante ciò segnato anche il 3-2 con un Henderson infaticabile per quantità e qualità, che si sarebbe meritato di firmare la vittoria. E invece una... spalla in fuorigioco di Mané sulla prima palla, ha vanificato tutto. Il Liverpool comunque, dopo le 7 reti incassate a Birmingham e un week-end di pausa a torcersi dalla rabbia, ha dimostrato di essersi tolto le tossine di dosso. Una grande tegola però si è abbattuta sui campioni in carica: la scriteriata entrata di Pickford su Van Dijk ha messo fuorigioco l'olandese per il resto della stagione per la rottura del legamento crociato.

Ci sono altri due 3-3 da mettere in archivio: il Chelsea pazzo di questo inizio di stagione va avanti a Stamford Bridge contro il Southampton, che però acciuffa il pari in extremis. Ciò che è accaduto invece al nuovo White Hart Lane ha davvero del clamoroso: Mourinho e il suo Tottenham sembrano chiudere la pratica dopo un quarto d'ora, con Son e Kane (doppietta) che confezionano il 3-0 al West Ham che pare non ammettere repliche. E invece un buon derby non è tale se non nasconde sorpresone: nel recupero, è un destro dalla distanza di Lanzini a firmare il 3-3, dopo che Balbuena e un autogol di Sanchez avevano rimesso in partita la squadra di Moyes. 

E il City? Massimo risultato col minimo sforzo: Sterling abbatte l'Arsenal, ma la vetta per Guardiola è lontana ancora 6 punti, pur con una partita da recuperare. L'altra Manchester, invece, ha contorni più netti: al St.James' Park di Newcastle, sono i padroni di casa ad andare in vantaggio con una autorete di Shaw, prima che Maguire pareggi al 23°. Non succede più nulla sino a cinque dalla fine, quando un pareggio scritto si trasforma in una vittoria netta per la squadra di Solskjaer: Bruno Fernandes, che aveva sbagliato per la prima volta un calcio di rigore nel primo tempo, si riscatta segnando il 2-1 al minuto 86, seguito subito da Wan-Bissaka e Rashford: 4-1 e bella risposta dopo il disastroso 1-6 a Old Trafford contro il Tottenham.

Anti eroe di giornata è Mitrovic: il capocannoniere della scorsa Championship, sbaglia un penalty per il suo Fulham in casa dello Sheffield, e causa pure quello che i padroni di casa trasformano per l'1-1 finale, dopo che gli ospiti erano andati avanti con Lookman. Stesso risultato anche a Londra tra Crystal Palace e Brighton, mentre la copertina se la prende decisamente l'Aston Villa: in casa del Leicester, pur senza Vardy, i "Villans" ci prendono gusto dopo aver travolto il Liverpool, e piegano anche la squadra di Rodgers un minuto dopo il novantesimo, con un tiro dalla distanza di Ross Barkley, confermando il secondo posto in classifica. Piccolo dettaglio: lo scorso anno, dopo aver speso 140 milioni sul mercato, si erano salvati all'ultimo turno. Saranno proprio loro, venerdì 23 a riaprire una nuova giornata, la sesta, ospitando il Leeds. Sabato 24 poi spicca un interessante United-Chelsea. Così come sempre più interessante si fa questa Premier, che al momento pare non avere severi padroni. 

 

Stefano Ravaglia

Stefano Ravaglia nasce a Ravenna nel 1985. Giornalista pubblicista, appassionato di calcio e della sua storia,  ha seguito il Milan quasi dovunque in Italia e in Europa e collabora con la testata online "Europa Calcio". Appassionato in particolar modo di calcio inglese, tesserato al Liverpool Italian Branch, si occupa anche di Formula Uno, essendo direttore del sito www.F1world.it. Ha all'attivo quattro libri e alcuni racconti pubblicati in varie antologie. Conduce il programma tv "Cartellino Giallo" su Teleromagna ogni lunedì, e collabora con "1000 Cuori Rossoblù" dal gennaio 2020.