Stampa questa pagina

Virtus Verona - Imolese 3-1: i rossoblù pagano gli errori

Scritto da  Gen 30, 2021

Un caro, vecchio adagio del calcio dice che vince chi sbaglia meno. Esatto riassunto del match tra Virtus Verona e Imolese, nel quale i primi minimizzano gli errori a fronte di una squadra ospite che mette in mostra una buona prestazione, specie nella ripresa, ma finisce per cadere nei soliti errori, con l'aggravante - in questo caso - della banalità degli stessi. Finisce 3-1, con tanti rimpianti per quanto visto e una situazione di classifica che, alla luce della vittoria della Vis Pesaro sul Modena, di fatto annulla i progressi in graduatoria visti nelle ultime due settimane sotto la guida di mister Catalano (nella foto).

Imolese propositiva in avvio, con Bentivegna che al minuto 8 ci prova dal limite senza minacciare particolarmente Giacomel. Dopo l'inizio in sordina la Virtus Verona prende campo e coraggio e al 14' solo un superlativo Siano nega la gioia del gol allo scaligero Cazzola con una parata di puro istinto sulla conclusione dell'interno di centrocampo di casa. Il giovane portiere rossoblù, però, non può niente sul colpo da biliardo che porta in vantaggio i locali, firmato dall'ex di turno Filippo Pittarello su assist di Daffara al 23'. Quest'ultimo, però, undici minuti dopo annulla l'effetto benefico del passaggio vincente cagionando il fallo da rigore su Pittarello che porta l'Imolese al pari, con la conclusione dal dischetto di Polidori che varca la linea di porta nonostante Giacomel intuisca la direzione del tiro. Parità che dura meno di 120 secondi: leggerezza di Torrasi in impostazione, retropassaggio sbagliato in area con Pittarello che serve Danti per il nuovo vantaggio dei veneti.

Nella ripresa l'Imolese mette alle corde l'avversaria ma senza mai affondare il colpo decisivo: Bentivegna e Provenzano sono imprecisi tra il 58' e il 63' e non centrano la porta, mentre la punizione del primo dei due giocatori appena citati trova l'opposizione di Giacomel al 73'. Pochi istanti dopo Polidori trova il gol del pari su assist di Torrasi, ma il secondo assistente Madonia ravvisa una posizione di fuorigioco quantomeno dubbia. Lo stesso Polidori ha un'ulteriore occasione per la prima doppietta stagionale, ma Giacomel è bravo e fortunato a parare al minuto 81. Un minuto dopo Lalomia di Agrigento pareggia il conto delle chiamate di offside apparentemente inesistenti fermando Pittarello lanciato a rete in solitaria, con l'attaccante ex Padova partito prima della metacampo, prima del finale catastrofico per il lato ospite. È il minuto 89 quando Pilati si fa male all'inguine con un intervento salvifico nell'intento di evitare la terza rete dei padroni di casa, rimane strenuamente in piedi ma si gira verso la panchina proprio nell'attimo in cui un distratto Rondanini lo serve con un rischioso retropassaggio diretto verso l'area: Delcarro ringrazia e offre ad Arma il pallone per il definitivo 3-1.

Il tabellino:

Virtus Verona (4-3-1-2): Giacomel; Mazzolo (61' Manfrin), Visentin, Pellacani, Daffara; Cazzola (83' Marcandella), Bentivoglio, Danieli (61' Lonardi); Danti (61' Delcarro); Pittarello, Arma. A disp. Chiesa, Sibi, Pessot, De Rigo, Carlevaris, Bridi, Zarpellon, Zecchinato. All. Luigi Fresco

Imolese (4-3-3): Siano; Rondanini (90' Alboni), Pilati (90' Boccardi), Carini, Aurelio; Lombardi (79’ D'Alena), Torrasi, Provenzano (71' Tommasini); Piovanello, Polidori, Bentivegna. A disp. Rossi, Nannetti, D’Alena, Sall, Sabattini, Masala, Della Giovanna, Mattiolo, Laghi. All. Pasquale Catalano

Arbitro: sig. Taricone (Perugia)

Marcatori: 23' Pittarello (V), 34' Polidori (I, rig.), 36' Danti (V), 89' Arma (V)

Note: Ammoniti Mazzolo, Danieli (V). Recupero 1’ pt, 5’ st.

Claudio Leone

Palermitano di nascita, valledolmese di crescita (e nel cuore), imolese dall'adolescenza in poi. Innamorato del calcio in ogni sua espressione, vivo di curiosità, con picchi di entusiasmo fanciulleschi nel nutrirmi di storie poco note. Segno distintivo: politeista. Venero Roby Baggio, Federico Buffa ed altri personaggi del mondo sportivo.