Alé Bulåggna! -Vlîv murîr, nunén? - 4 apr

Scritto da  Apr 04, 2014

 

 

Ora che la serie B comincia a diventare una minaccia dai contorni sempre più vividi, såtta i pôrdg si percepiscono vari  tipi di commenti. C’è la posizione catastrofista di chi pensa che sarebbe la tragedia assoluta, che condurrebbe al fallimento ed al dissolvimento totale, la Lega Pro o peggio, con molti operatori dell’informazione che, come simpaticamente ha loro ricordato il presidente due sabati fa, dovrebbero srèr butaiga. Oppure c’è la posizione, che alligna in alcune fasce di tifosi, di chi tende a vedere ex malo bonum, l’occasione per fare al bâl dal dgàmmber dell’attuale gestione e palingeneticamente risorgere dalle proprie ceneri.

Entrambi hanno in comune la volontà di esorcizzare una paura reale, gli uni mettendosi nella condizione di chi, prevedendo al pîz dal pîz può sempre constatare che poteva andare peggio e gli altri che si precostituiscono un motivo di consolazione.

Certo che noi che la abbiamo vissuta, ed anche di peggio, la serie B la vediamo come l’agnello vede l’appropinquarsi delle feste pasquali e girare la testa dall’altra parte ci farebbe assomigliare al maiale della storiella edificante che vi riportiamo qui sotto.

 Una sîra al vèc’ sumâr al turné int la stâla stóff môrt, cunpâgna tótt chi èter dé; mèż inmé dal bastunè ch’l aveva ciapè, as méss int la sô pòsta a biasèr un pô d pâja.

Al ninén al i déss «Dî só, mo cum fèt a fèr una vétta acsé mierâbil? As vadd ch’t an è pròpi brîa argói. Tótt i t métten in schéna e t at ardû a magnèr dla pâja sójja. Guèrda mé, cum a sån bèl grâs. Al padrån am dà da magnèr tótt i dé, e dimónndi, parché a mé am rispèta.»

L êra stra lómm e scûr e al sumâr, mèż ôrb, al guardé al ninén un pôc barluciànd e pò al i déss: «As vadd ch’t i brèv té. Mo però…. t an um pèr mégga quall ch’al gêva acsé anc l ân pasè.»

Allora teniamoci su di morale e cerchiamo di fare la nostra parte, infinitesimale, perché il peggio sia evitato: fén ch’ai é fiè, ai é speranza. Come diceva quello: «Vlîv murîr, nunén?» e lui rispose «Ói, s’an s pôl fèr èter…»

Alé Bulåggna !!!    

                                                                               4 d avréll 2014

Gallo

Ultima modifica il Mercoledì, 30 Agosto 2017 18:08