×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 56

Grandi Pensieri di Mattia Grandi - Hot Edition

Scritto da  Apr 03, 2014

Il mondo del gossip da sempre strizza l’occhietto al binomio sport-spettacolo in tema di liaison amorose clandestine o con i crismi dell’ufficialità. Alla vigilia di un Inter-Bologna da psicoterapia per le frastornanti peripezie stagionali dei sostenitori nerazzurri e rossoblu, un curioso deja vu “hot” alimenta il chiacchiericcio ed il pettegolezzo nella Milano da bere. Tra gli highlights della disastrosa edizione del Grande Fratello 13 un piccante focus esplorativo tematico l’ha conquistato a suon di rivelazioni scottanti la signorina Veronica Graf. La gieffina, eliminata dopo poche tornate dalla trasmissione griffata Endemol, vanterebbe una storia d’amore con il calciatore algerino ex Bologna Saphir Taider, oggi centrocampista nella contea di Thohir. A fare scalpore sarebbe però la confessione dell’avvenente blondie inerente il tradimento consumato con il re degli “sperminetor” meneghini Mario Balotelli ed il fratello Enock. Insomma, un triangolo niente male per la Barbie di Cinecittà che tira in ballo altri nomi caldi del palcoscenico pallonaro come quello di Gonzalo Higuain. Felicità Taider, uno Jagermeister della Madunina, per dirlo in quattro parole e farci quattro risate. La vera antesignana della categoria fu però Mascia Ferri qualche lustro fa. La provocante barista romagnola fu trascinata in tribunale per le confidenze a “luci rosse” sulla sua relazione con il cosiddetto “Mister X”. Il presunto amante, l'ex calciatore dell'Inter ed ex allenatore felsineo Andrea Mandorlini, non gradì affatto l’esternazione della concorrente nella casa del Grande Fratello denunciandola in sede civile e penale per diffamazione aggravata. Alla vigilia di Inter-Bologna, mentre noi elaboriamo tabelle, pronostici ed indiscrezioni sulle probabili formazioni, mi piace pensare che qualcuno (più fortunato) se la stia spassando tra le lenzuola profumate di un residence con vista Lago di Como (o zona uscita autostrada di Imola). In fondo è solo un gioco.

Questo articolo è dedicato alla memoria di Carlo Petrini che con il suo saggio “Nel fango del Dio Pallone” (Kaos Edizioni) mi illuminò in tempi non sospetti.

Mattia Grandi   

 

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 22:00