×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 75

CON UN GOAL ALL'80°+4 DI PUGLIESE, ANDIAMO AI MONDIALI U17!!!!

Scritto da  Mag 09, 2013

Con  il cuore in gola…ho passato gli ultimi minuti di questa partita… Emozioni come questi si vivono raramente, diciamo che Italia Germania 4-3 potrebbe essere stata, per chi l ha vissuta in diretta, una di queste partite…

SIAMO AI MONDIALI! Con la vittoria odierna, contro i pari età dell’Ucraina ,abbiamo strappato, con un turno di anticipo, il biglietto che ci permetterà ,il prossimo autunno, di giocare il più importante trofeo al mondo che si disputerà negli Emirati Arabi. I MONDIALI U17

Mr. Zoratto nel primo tempo cambia un po’ la formazione dell’esordio con la Croazia del fenomeno Halilovyc lasciando a riposo uno dei talenti più importanti della nostra nazionale come Gennaro Tutino che nel match d’esordio non aveva per nulla brillato con la conseguenza, che quando il Giovane talento partenopeo non è in giornata, tutto il reparto offensivo ne risente.

Il primo tempo evidenzia una partita abbastanza fallosa tant’è che il tempo effettivo si aggira attorno ai 23 minuti di gioco. Poche le occasione che si possono segnalare da entrambe le parti. Gli Ucraini creano una interessante occasione  in avvio, dopo una buonissima manovra sulla destra,  Tsygankov riesce a servire da dentro l’area un pallone che taglia tutta la difesa e arriva a Zinchenko che appena dentro calcia di piatto senza però mettere in difficoltà Scuffet. Mentre per i nostri azzurrini I soli Cerri(Parma) e Bonazzoli(Inter) tentano la via del goal ma mai creando pericolose occasioni. Al 38’ Esce Alessandro Piu(Empoli) per infortunio ed antra la uo posto Vittorio Parigini(Torino FC)

Il secondo tempo ha un piglio diverso fin dal principio con una punizione del neo entrato Parigini che però non trova la porta. I ragazzi di Zoratto  iniziano a macinare buon calcio, pochi minuti dopo è Cerri che non inquadra la porta e nei successivi 7 minuti creiamo diverse occasione da goal con Cerri e Bonazzoli che trovano sempre davanti a loro un avversario che devia in corner le loro conclusioni. Al 51’ su corner di Federico Dimarco(Inter) è bomber Cerri ha non trovare la via del goal per poco. Passano 6 minuti ed ancora su calcio piazzato l’asse Dimarco-Cerri non trova il vantaggio per pochissimo(bellissima la palla messa al centro per Cerri da Dimarco che in tuffo cerca la porta di testa)..ecco però che ora la partita ritorna al primo tempo con qualche fallo di troppo che porta l’Ucraina ad avere un maggiore possesso palla e infatti al 61 passa in vantaggio con Vachiberadze che raccoglie dal limite un pallone, stoppa e calcia di esterno destro, purtroppo una leggera deviazione di Parigini alza il pallona creando una parabola imprendibile per Simone Scuffet.(Udiniese) Vantaggio non meritato per i ragazzi di Horokvo..ma il calcio è anche questo.

I nostri azzurrini accusano il colpo, Mr Zoratto prova a dare la scossa inserendo  prima Gennaro Tutino per uno spento Palazzi(Inter) e poi Vido(Milan) per Bonazzioli ; E’ LA SVOTA DEL MATCH!!

Al 75’ Tutino crossa da dentro l’area un delizioso pallone che Parigini prova a calciare in porta in semi-rovesciata colpendo male ma, fortunatamente ,la sfera rimane davanti al Giovane Granata che riprende e calcia a rete con decisione per il goal del Pari…STRAMERITATO!

Tutino continua a macinare sulla fascia mettendo più volto Cerri in occasione di battere a rete senza mai però trovare la via del goal…nonostante un certo forcing azzurro arriviamo nei minuti di recupero con la voglia e la consapevolezza che questa partita la si può ancora vincere…..e come diceva Al Pacino in “OGNI MALEDETTA DOMENICA” un centimetro alla volta arriviamo al minuto 80+4…quando  Mario Pugliese raccoglie un pallone al limite dell’area e appoggia a Cerri che intelligentemente vede l’inserimento del compagno…e con una semplice triangolazione  Cerri ripassa il pallone a Pugliese tagliando la difesa Ucraina schierata al limite…Mario da solo davanti al portiere non sbaglia(bravissimo però a vedere l’unico spiraglio dello della porta specchio che il portiere aveva chiuso molto bene) e appoggia per il definitivo e meritatissimo 1 a 2 per l’Italia! 

 

Mario impazzisce e con lui tutti i suoi compagni che lo sommergono..esplode la gioia della panchina azzurra con Zoratto che salta come se fosse stato lui a segnare…e in parte è come se lo fosse.. Questo traguardo è molto merito suo e del suo staff ,avendo costruito un gruppo di ragazzi fortissimo, dal cuore immenso e dal talento davvero importante.

Ora ci aspetta la Russia…..ma intanto ABBIAMO CONQUISTATO UN POSTO TRI I BIG DEL MONDO!

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:13