Il Confrontista - di Beppe Savo - 2 Aprile

Scritto da  BeppeSavo Apr 02, 2013




REPETITA IUVANT?


Dopo la trentesima giornata il Bologna ha esattamente  gli stessi
punti dell’anno scorso: 36.
Stefano Pioli ha deciso di tenerci sulle spine fino all’ultimo,
mantenendo ancora irrisolto l’eterno dilemma nostro: meglio il Bologna
di Ramirez e Di Vaio o quello di Diamanti e Gilardino?
Spazio ai numeri: 10 vittorie quest’anno rispetto alle 9 dell’anno
scorso; 6 pareggi rispetto ai 9. Le sconfitte sono 14 contro le 12
della stagione 2011/12 (si chiuse con 13 in totale). Le reti segnate
sono 39 contro le 32 dell’anno sorso; il dato di quelle subite alla
trentesima giornata si equivale: 38. La posizione in classifica vede
il Bologna al 13/mo posto (rispetto al 14/mo), a +10 sulla terz’ultima
rispetto ai +8 sul Lecce del campionato precedente.
Pur in presenza di dati che sostanzialmente si equivalgono si puo’
azzardare una valutazione più positiva per la stagione in corso:
attacco più prolifico; maggior distacco rispetto alla
posizione/baratro; 1 gradino in più come posizione di classifica. Ma
soprattutto stesso numero di reti subite rispetto all’anno scorso in
un campionato che vide la difesa del Bologna chiudere al quarto posto
finale come difesa meno perforata dopo quelle delle prime tre squadre
classificate.
A questo risultato parziale ha contribuito il fatto che nelle ultime 8
gare il Bologna ha subito 7 reti in totale rispetto alle 31 delle
prime 22 giornate. E non sarà un caso che l’inversione di tendenza
abbia coinciso con la conferma a titolare di Curci come guardiano
della nostra porta, a cui va il merito di essere riuscito a
trasmettere con le sue prestazioni maggiore sicurezza a tutta la
retroguardia rossoblù.
Saranno quindi e ultime 8 gare  rimanenti a svelare quale sarà il
Bologna migliore di Pioli.
L’anno scorso il nostro finale prevedeva 3 gare in casa e 5 in
trasferta; quest’anno ne avremo 4 al Dall’Ara e 4 fuori casa. Nelle
ultime 8 nel 2011/12 raccogliemmo 15 punti, con 4 vittorie, 3 pareggi
ed una sconfitta, segnando 9 reti e subendone 5.
Vincemmo le gare intere (Cagliari, Genoa e Napoli), il Bologna fu
“corsaro” a Catania (0-1,con gol di Ramirez esattamente 10 minuti dopo
che tra gli Etnei subentrò tal Marco Motta...).
Ne pareggiammo 3, con un per noi “stretto” 1-1 nella Milano-da-bere
rossonera subendo il pareggio con  un’azione nata da un futball
malamente perso – l’unico di tutto il campionato! – da Mudy.
Ci furono anche due pareggio non propriamente esaltanti come lo 0-0 a
Cesena -!!!?! – ed un 1-1 a Siena; perdemmo l’ultima a Parma (mai in
partita nonostante il minimo scarto...).
Il finale 2013 che ci aspetta prevede una riedizione di “a volte
ritornano”: affronteremo in casa Napoli e Genoa (oltre a Torino e
Sampdoria, che ricordo sono “neo-promosse”...), mentre alla penultima
andremo a Parma (dopo aver fatto visita a Palermo, Atalanta e Lazio).
Stefano Pioli (ma anche i ragazzi, stando alle promesse fatte...)
garantiscono un finale all’insegna del massimo impegno per regalare a
noi tifosi il miglior ricordo possibile in attesa della prossima
stagione e del nuovo dilemma: quale sarà il miglior Bologna di Pioli?

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:20