GAZZETTA DELLO SPORT: Pasquato "studia" Del Piero - 16mar-

Scritto da  Redazione 1000cuori Mar 16, 2013
I «gemelli» di Gabbiadini sono Frederik Sorensen e Cristian Pasquato, entrambi controllati dalla Juve con soluzioni differenti. Il difensore danese,
fisico da corazziere (193 cm di altezza), è in forte dubbio per la sfida di sabato perché contro l’Inter ha riportato un forte trauma distorsivo alla caviglia sinistra. In questi giorni ha fatto solo terapie ed è improbabile che 
Pioli possa recuperarlo. Classe 1992, dopo avere cambiato quattro club in patria, Sorensen è arrivato alla Juventus due anni fa e dopo una stagione di
alti e bassi come tutta la squadra, condita da 17 presenze, l’anno passato è stato ceduto in compartecipazione al Bologna. Dapprima ha faticato ad inserirsi, poi a metà di questa stagione Pioli lo ha schierato spesso come
titolare sia nella difesa a tre sia in quella a quattro, dove al centro forma la coppia scandinava con lo svedese Antonsson. Quest’anno ha segnato un gol
nel derby col Parma. Calci piazzati Cristian Pasquato, classe 1989, padovano, finora ha giocato alcuni spezzoni ma è riuscito spesso a trovare la via della rete realizzando quattro centri, due in Coppa Italia e due in campionato (bellissimo  quello del definitivo 3-0 al Cagliari). Alla Juve è cresciuto nelle
giovanili, visse da vicino il dramma della scomparsa dei giovani compagni Neri e Ferramosca, morti tragicamente a Vinovo. Lì passava molto tempo a
seguire gli allenamenti di Del Piero per carpirne i segreti dei calci piazzati, ora una sua specialità. In compartecipazione tra Juve e Udinese, l’estate scorsa Pasquato è stato girato in prestito al Bologna. Ex juventini anche Michele Pazienza, che raggranellò in bianconero 8 presenze nel 20011-12, e Marco Motta (22 gare nel 2010-11).
Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:23