×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 48

MATTEO MASCETTI: per noi il primo dirigente del futuro Bologna

Scritto da  Feb 18, 2013

 

 

Ecco una persona perbene! Una di di quelle che nel Bologna del futuro noi tifosi vorremmo vedere presto.Noi lo conosciamo da tempo,sappiamo il suo spessore umano,sappiamo quanto tenga a questa piazza da sempre,e a quale passione impiegherebbe.Stimatissimo da tutto il mondo sportivo,può ricoprire tanti ruoli ,lui per come lo conosciamo sempre posato e rispettoso ci  sgriderà per questa che non e' assolutamente una marchetta ,ma un consiglio a una società che deve ripartire da giovani dirigenti competenti per darci quello che noi tifosi meritiamo.So che la società ci segue ,so che tanta stampa lo conosce  e spero ci aiuteranno .Ripetiamo Matteo e' un uomo di calcio bravissimo e competente e lo si può sfruttare a 360 gradi.Noi intanto lo ringraziamo perché pubblichiamo sempre il suo pensiero su Bologna città e squadra.Eccolo oggi in questo come sempre autorevole punto.

Per il punto della situazione del Lunedì abbiamo rintracciato telefonicamente il Team Manager Matteo Mascetti, grande appassionato del Bologna e amico di 1000cuorirossoblù.

Il Bologna ha perso anche a Catania. Un giudizio sul presente e sul futuro?

La situazione non è rosea e i numeri parlano chiaro. Una squadra che vince sette partite su venticinque può ambire solo a scenari preoccupanti. Col Catania lo spettacolo del primo tempo è stato imbarazzante e in trasferta mi sembra sia un disco che si ripete. Non la vedo bene e mi piange il cuore in primis per Pioli che è un allenatore con pochi eguali.

Le dirette avversarie?

Credo negli sprint finali di Palermo e Genoa per diversi motivi , quindi suppongo che la corsa dovremmo, anzi dovranno, farla contro di loro. Inferiori al Bologna, sul campo, vedo solo Pescara e Siena oggi. Chievo, Atalanta e Cagliari neanche le considero.

 Si parla di cessione societaria. Sei favorevole?

Penso che sia l’unica ancora di salvezza oggi. Non tanto a livello tecnico, che sarà compito del mister e dei ragazzi raggiungere l’obiettivo, ma per la solidità del Club. Puoi vendere e monetizzare Diamanti per arrivare a Giugno respirando, puoi raschiare i soci di minoranza per una piccola ricapitalizzazione, puoi utilizzzare alcuni crediti, ma poi sei da capo. Vista e letta da fuori, credo servano soluzioni imminenti.

 Il Dott. Zanetti  chi altro?

Pecunia non olet, dicevano. L’importante è che sia un imprenditore solido e che abbia a cuore il Bologna e solo il Bologna… prima dello stadio, prima del centro d’allenamento, prima della politica e prima degli interessi personali legati al parco giocatori. Fondamentale poi sarà il suo team di stretti collaboratori: l’amministratore delegato, il direttore sportivo, l’eventuale direttore generale. Persone di calcio al mercato, persone amministrative in sede. E’ fondamentale. E’ utopico , oggi, trovare un acquirente che risponda a queste caratteristiche, ma è quello che auguro al Bologna perché una città e uno stemma del genere non possono trovarsi a sgomitare laggiù in classifica con il Pescara, con tutto rispetto.

 

Il tuo e nostro amico Franco Colomba sta trovando alcune difficoltà a Padova. Tu che gli sei particolarmente vicino come la vedi?

Beh, innanzitutto sono dispiaciuto a livello umano perché con Franco ho un rapporto di grande affetto ed ha iniziato un’avventura in una piazza che si è dimostrata subito ostile per i buoni rapporti che aveva con PeaIl buon segnale, invece, è che nonostante la squadra stia zoppicando nei risultati , la classifica gli strizzi ancora l’occhio per l’ingresso al play off. Li ho visti nelle ultime quattro giornate ed è una delle rare situazioni in cui il Mister ha poche colpe, così come non le hanno Baraldi o Salvatori che sono grandi professionisti nei rispettivi ruoli. L’esame di coscienza dovrebbe farlo cqualcuno che in campo rende al 10% delle proprie potenzialità.

 Per concludere, quando verrai a Bologna?

(risata) Sicuramente domenica al Dall’Ara e il 4 marzo a Piazza Maggiore per il tributo a Lucio Dalla! A parte gli scherzi, non sta a me decidere, la Società sa che ci verrei stasera stessa se avesse bisogno di me, ma in quel ruolo sono ben coperti (Marcello Sanfelice, ndr) dai tempi diPorcedda…..  

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:28