POST PARTITA- Pescara vs Bologna , la cronaca e il tabellino - 3 Febbraio

Scritto da  Redazione 1000Cuori Feb 03, 2013

 

Spettacolo pirotecnico oggi all'Adriatico fra Pescara e Bologna, un'autentica sfida salvezza, con addirittura tre rigori fischiati. Più Bologna che Pescara fin dall'inizio della partita, dove gli uomini di Pioli mostrano una maggiore quadratura e cifra di gioco. Però nel momento di maggiore pressione dei rossoblù, è il Pescara che passa: al 30' Weiss, autentico incubo nel primo tempo per la difesa felsinea, dopo una prolungata azione fatta di finte e controfinte, viene agganciato appena dentro l'area da Antonsson e si procura il primo rigore. Lo stesso Weiss si presenta sul dischetto e porta in vantaggio gli abruzzesi. Il Bologna non si blocca e reagisce da squadra di carattere qual'è e, dopo un'azione insistita sull'out sinistro, Bianchi Arce butta giù Cherubin, appena entrato in area, e procura un rigore al Bologna. Tocca a Diamanti, quindi al 34', pareggiare con un tiro secco al centro della porta mentre Perin si butta sulla sua sinistra. Palla al centro ma nonostante  la superiorità tecnica dei bolognesi, è sempre Weiss che, su una azione  insistita sulla destra dell'attacco e affrontato da Taider, vola per terra procurandosi il terzo rigore di giornata sempre su rigore; sarà D'Agostino, a realizzare il goal, proprio allo scadere del primo tempo,con un tiro precisissimo che batte sotto la traversa e schizza in rete. Il secondo tempo, con le stesse squadre del primo tempo, riparte con un Bologna battagliero e decisissimo a ripetere le imprese di Roma e Napoli. E la costanza viene premiata: su una punizione calciata magistralmente da DIamanti, Gilardino si fa largo fra i due centrali avversari e Soerense, colpisce di testa e infila in fondo al sacco il 2 a 2 e il suo decimo centro stagionale. Ma il risultato di parità va stretto agli uomini di Pioli per cifra e volume di gioco  e proprio al 66simo, sull'ennesima azione insistita di Morleo, ribaltano il punteggio della partita che vede un acrobatico intervento di Kone ribadire in goal il cross che gli proveniva dalla sinistra da parte di Morleo. I cambi per entrambe le squadre non muta il risultato finale che potrebbe addirittura incrementare se all'ultimo minuto Kone, su passaggio di Pasquato, solo di fronte a Perin, non avesse mandato di pochissimo a lato il pallone del 4 a 2. Grande vittoria che da morale alla squadra e al tecnico Pioli.

Ecco i Tabellini:

PESCARA-BOLOGNA 2-3
Pescara (4-3-1-2): Perin; Zanon, Bianchi Arce, Cascione (34' st Abbruscato), Modesto; Rizzo, D'Agostino (25' st Bjarnason), Cosic; Weiss; Sforzini, Vukusic (26' st Celik). 
A disp.: Pelizzoli, Bocchetti, Capuano, Zauri, Togni, Caprari, Caraglio, Sculli. All.: Bergodi. 
Bologna (3-4-2-1): Curci; Antonsson, Sorensen, Cherubin; Motta (31' st Garics), Perez, Taider, Morleo; Diamanti (34 st Moscardelli), Kone; Gilardino (42' st Pasquato). 
A disp.: Agliardi, Stojanovic, Abero, Carvalho, Khrin, Pazienza, Guarente, Christodoulopoulos. All.: Pioli.
Arbitro: De Marco
Marcatori: 30' Weiss (P), 34' Diamanti (B), 45' D'Agostino (P), 4' st Gilardino (B), 21' st Kone (B)
Ammoniti: D'Agostino (P), Sforzini (P), Cascione (P), Zanon (P), Pasquato (B)
 


Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:32