×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 48

Stampa questa pagina

"Il Boato"

Scritto da  Dic 10, 2012

Queste sono le parole con cui Anna Rita Iacobini ,apre la nostra chiacchierata ,perché veramente fu di una veemenza inaudita quell'esultanza al gol di Fiorini che diede la vittoria sul Vicenza e di conseguenza la salvezza ,da parte di uno stadio strapieno,carico di pathos e perche no anche di paura.Lei amica conosciuta nella bellissima visita  a Roma da Guido De Angelis,dove ricordero' sempre l'emozione dei tifosi che  fu addirittura contagiosa.Mi aspettavo che "Fiore" fosse amato,ma non a quel punto,dove chiamate da tutta Italia,voci commosse e felici continuavano ad inondare la trasmissione e il nostro sito di ringraziamenti.Con Anna ho instaurato un rapporto epistolare bellissimo,e vai mo' a raccontarla che nel calcio odierno la fanno da padrone le rivalità !Lei gestisce un bar a Roma,rigorosamente tutto biancoazzurro ,dove sono campeggiate in aria le maglie di tutti i grandi protagonisti dell'epopea laziale,tra le quali non poteva mancare quella del "bomber"!! Si perché per lei e per il popolo della prima squadra di Roma Fiorini era il bomber in assoluto!Mi racconta divertita di come Cragnotti che portò a Roma fior fiore di campioni,a volte si lamentava esclamando " ancora con Fiorini?" ,volendo ribadire che pur acquistando pezzi da 90 si continuava a ricordare solo Giuliano.Non aveva forse ben chiaro quello che rappresenta per il popolo biancoceleste che non dissocia mai un giocatore amato e lo inonda di amore anche quando si spengono i riflettori.Anna ,persona splendida ,passionale ,innamorata di questi colori,ma dal risvolto umano indicibile,mi racconta un episodio che racchiude tutto l'amore verso la Lazio e la riconoscenza verso un giocatore entrato di diritto nella storia .Il giorno della morte di Fiorini tutti i media danno la notizia del decesso citando che era un ex di Bologna e Genoa ,ma come non si parla della Lazio? Nel suo bar dove pian piano si erano radunate tantissime persone a testimonianza di un grande dolore,la notizia che non si parlava della Lazio come sua ex squadra ,fu presa con molta oserei dire "rabbia",tanto che e decise lei stessa di chiamare la redazione della Rai ,e addirittura detto' una specie di " comunicato" di cordoglio a nome di tutta la tifoseria.Passano le ore e alla sera durante l'edizione serale viene riproposto lo stesso identico messaggio ,escludendo la Lazio dalle società di militanza di "Fiore",quando una mano oserei dire galeotta,passa un foglio che altri non era che il saluto biancoazzurro al loro grande eroe scritto proprio da Anna Rita! il suo saluto al 1000cuorirossoblu,rraccontandomi come i decibel furono talmente elevati al gol contro il Vicenza che un simile Boato viene paragonato solo al gol scudetto di Re cecconi contro il Milan nel 74 che fu decisivo per il titolo.Cara Anna ( che tutti a Roma ricordano come "la signora che cambio' Rai 3" per me e' stato un piacere darti questo spazio,perché il calcio e' anche amicizia e come dico spesso va al di la ' di tutte le bandiere.

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:49