×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 75

Frederik Hillesborg Sørensen

Scritto da  Nov 23, 2012

Frederik Hillesborg Sørensen, questo è il nome completo del ragazzo,nasce il 14 Aprile del 1992 a Roskilde in Danimarca.

I suoi primi calci iniziano proprio tra le mura di casa con la società del KFUM Roskilde per poi passare all'altra società di casa dell'Himmelev-Veddelev BK ed infine l'ultima esperienza in patria la vive nelle giovanili del' Lyngby società calcistica della città di Lyngby-Taarbæk.

 Nel 2007 Frederik entra nel giro della Nazionale e la sua prima convocazione è per la Under 16.

Nel 2010 La juventus lo acquista per una cifra che si aggira attorno ai 150mila € e lo tessera per il Campionato Primavera dove si metterà in mostra nel Torneo di Viareggio poi vinto dai Bianconeri per poi scoprirne una valida alternativa ai titolari della prima squadra.

Nell'anno 2010-2011 viene tesserato con la prima squadra e il suo esordio nella massima serie avverrà alla decima giornata di campionato contro il Cesena.

Tra il 2010 e Dicembre 2011 il ragazzo Danese totalizzerà 17 presenze. All'apertura della sessione del Mercato di Gennaio 2012 passa in compartecipazione al Bologna FC per 2,5mln di €, dove nel girone di ritorno saranno 5 presenze e 1 goal. alla fine della stagione precedente Bologna e Juventus decidono di rinnovare la compartecipazione del cartellino del ragazzo. 

Nel frattempo la sua esperienza con la Nazionale Danese continua fino ad arrivare ad essere uno dei pilastri della U21.

Tatticamente duttile perchè capace di giocare sia da centrale in una difesa a 3 sia  come quarto di destra in caso di difesa a 4,  Sørensen ti colpsce, considerato che è un 92 ed ha appena 20 anni,  per la sua capacità di essere sempre sul pezzo, ha un gran senso della posizione, riesce a leggere molto bene l'azione potendo anche giocare in anticipo sull' attaccante, ottimo colpitore di testa sia in difesa che su palle inattive nelle fasi offensive.

 Elemento non indifferente è dotato anche tecnicamente di un ottimo destro che gli permette di poter salire palla al piede o, in caso sia utilizzato coome esterno basso, di scendere in fascia e poter crossare palloni davvero interessanti oppure, come capitato lo scorso anno quando segnò il suo primo goal inserie A, di inserirsi per concludere a rete.

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 23:55