Radio Casteldebole - Donadoni: "Sarà fondamentale essere compatti" - 16 gen

Scritto da  Gen 16, 2017

“Lo sguardo deve essere sempre rivolto avanti” questa una delle frasi più significative di Donadoni al termine della vittoria sul Crotone, il tempo stringe e bisogna concentrarsi subito sul prossimo impegno: la Coppa Italia.

Dalla Calabria alla Lombardia passando rapidamente per Bologna, giusto il tempo di un paio di allenamenti prima del match di San Siro sponda Fc Internazionale.

La squadra milanese capitanata da Stefano Pioli sta attraversando un particolare momento di grazia, gioca bene e ha collezionato ben cinque vittorie consecutive in campionato nell'ultimo periodo "L'Inter sta facendo bene, sta trovando una quadratura importante e che ha uno spirito, legato anche ai risultati recenti, estremamente positivo. Questi sono componenti che rendono interessante e difficile questa partita che però dobbiamo disputare al meglio contro un avversario dalla levatura importante.
Quello che Pioli sta facendo e ha fatto nella sua carriera non glielo ha regalato nessuno, ma se lo è solo conquistato. Come è giusto e logico che sia.”

Sarà un Bologna che scenderà in campo pronto a giocarsi le proprie chances di avanzare nella competizione nonostante un turnover quasi obbligato “Saremo comunque 11 contro 11 anche se è chiaro che avremo delle difficoltà oggettive legate al fatto che abbiamo diversi giocatori fuori. Gastaldello, Torosidis Ferrari Helander più quelli che devono recuperare come Verdi, Petkovic e Sadiq. Questo purtroppo non aiuta ad avere effettivi a disposizione. Dovremo fare di necessità virtù.”
Agli infortuni si aggiunge anche un Mattia Destro che non segna da tempo “E’ chiaro che ci si aspetti faccia sempre goal ma vedere la sua disponibilità e la sua voglia per me vuol dire molto.”

L’ipotesi più tangibile in difesa è quella di Oikonomou dal primo minuto al fianco di Maietta  ”Qualcosa inevitabilmente cambierò, voglio soprattutto gente fresca. Per avere in difesa qualche alternativa devi considerare anche giocatori che non sono proprio di ruolo, che non è specializzato e che non ha una storia in quella posizione. Però è bello anche che qualcuno si adatti a fare qualcosa di diverso. E’ già successo spesso e non solo a me ma anche a dei miei colleghi di scoprire poi un ruolo diverso per qualche giocatore che arriva poi a crearsi anche prospettive diverse. Rimane fondamentale la disponibilità dei ragazzi.”

Alla lunga dei 13 punti sulla terzultima c'è chi ipotizza che la stagione sembri ormai avere già emesso una parvenza di verdetto stagionale ma Roberto Donadoni non la pensa esattamente così “Sono ragionamenti che non aiutano, pensare adesso di aver già raggiunto il nostro obiettivo primario, cosa non vera, e darlo come dato di fatto è sbagliato. Noi abbiamo bisogno di stimoli che devono arrivare da tutte le parti e devono essere positivi e costruttivi. Leggo tra le righe una sorta di “rassegnazione” riguardo a questo campionato ma abbiamo ancora metà stagione davanti. Io non voglio essere contento di chi fa peggio di me ma voglio essere scontento di che fa meglio di me, ma non perché io lo reputi inferiore, ma proprio perché lo reputo allo stesso mio livello e penso di poter fare qualcosa di meglio. Chi sta qua dentro suda e fatica per ottenere qualcosa la domenica ma è comunque giusto che poi ci siano anche delle critiche.”

Simone Verdi è tornato a disposizione ed è ufficialmente cominciato il countdown per rivederlo finalmente in campo “Simone sta bene e sta progredendo, le risposte fisiche sono ottime. Spero di averlo a disposizione nell'arco di un paio di settimane magari contro il Cagliari."
Ancora ai box invece Bruno Petkovic “Nel suo caso incide una componente ben diversa che è quella di essersi fatto male a quella spalla, sapete inoltre i come sono stati i tempi della Serie B, ed il ragazzo è arrivato carente a livello atletico e di allenamento.“

Infine sulla formula della Coppa Italia, che prevede che la più forte giochi in casa in gara secca e che le prevede anche che le prime otto entrino nella competizione solo agli ottavi di finale l’allenatore rossoblù non esprime un parere ben definito “Se parlare servisse a qualcosa, qualcosa lo direi. Ma questa è la realtà e la accetto. Ma devo dire la verità e - questa formula ndr - mi interessa fino a un certo punto.“

Di seguito la conferenza stampa integrale e le parole di Roberto Donadoni:

Ultima modifica il Sabato, 28 Ottobre 2017 18:05
Sara Melotti

Sarina per gli amici. Inviata multitasking, aspirante fotografa e giornalista.
Oltre alla passione per il Bologna ama la fotografia, lo sport in generale, i motori e gli animali.