Calciomercato Bfc - Riprendono i contatti per Cerci. E su Sadiq... - 18 gen

Scritto da  Gen 18, 2017

Fare il punto sul calciomercato del Bologna sta diventando un'impresa ardua. La situazione è in continua evoluzione e ci sono aggiornamenti e ripensamenti praticamente in ogni ora della giornata.
Solo due giorni fa la pista Cerci sembrava morta e sepolta, per la seconda volta. E invece ieri c'è stata la clamorosa riapertura. La freccia di Velletri ha abbassato le sue richieste e desidererebbe almeno un triennale da 1,3 milioni di euro. Sono cifre ancora elevate per la società di Saputo, ma con un triennale da 1 milione più bonus si potrebbe arrivare quantomeno vicino ai desideri del ragazzo. Ma c'è molto di più di tutto questo. Calciomercato.com fa trapelare come il 29enne sia in realtà terrorizzato dall'idea di rimanere in Spagna a vedere il campo dalla tribuna. Di conseguenza il tempo è un forte alleato dei felsinei poiché con il passare dei giorni l'ala sarà sempre più costretta a venire incontro alle esigenze di Bigon. Il braccio di ferro tra il Ds rossoblù e l'ex Torino sembra proprio stia andando a favore del primo; ma attenzione alla Lazio. I biancocelesti sarebbero a posto sulle fasce grazie al rendimento straordinario di Felipe Anderson e Keita Balde. Il gioco sulle fasce di Inzaghi però potrebbe richiedere un ulteriore innesto e Cerci a quelle cifre fa gola al Ds Tare. Gli aquilotti potrebbero fare un tentativo ma il Bologna appare comunque in vantaggio, poiché può vantare di un accordo già raggiunto su ogni punto con l'Atletico Madrid. Di conseguenza, solamente nel caso in cui il classe 1987 rifiutasse la causa bolognese, allora il club di Lotito potrebbe farsi sotto con più insistenza. Cerci-Bologna è più di una pista riaperta: le due parti si stanno avvicinando più forte di prima.

Un'opzione che si riapre e due che si richiudono. Stiamo parlando di Andrea Ranocchia e Jonathan Biabiany. Sono due profili che piacciono da sempre ai petroniani. Per il centrale si è provato un prestito con diritto di riscatto, mentre per il francese solo un prestito secco. Due proposte che ad Ausilio non piacciono per niente, specialmente perché Bigon chiederebbe un aiuto economico importante per pagare gli ingaggi dei due. Il Ds dell'Inter invece non solo non vuole contribuire al pagamento degli stipendi, ma vorrebbe monetizzare il più possibile dalle cessioni dei due a titolo definitivo. Il trasferimento a titolo temporaneo sarà trattabile solamente negli ultimi giorni di mercato, nel caso in cui Ranocchia e Biabiany fossero ancora a Milano. Per ora invece si trattano di due discorsi chiusi, salvo ulteriori sorprese.

Nuove notizie anche per Umar Sadiq. I giallorossi volevano riportare nella Capitale il nigeriano, senza rispettare la formula accordata con il Bfc, per utilizzarlo come vice Dzeko. Secondo i primi rumors, Bigon aveva accettato l'offerta e stava già guardando ad altri innesti offensivi futuribili. In realtà il Ds non aveva mai valutato l'opzione di lasciar partire il classe 1997 e avrebbe risposto un secco no all'idea della dirigenza capitolina. Dunque Sadiq rimarrà a Bologna sicuramente fino al giugno, dopodiché si punterà sul rinnovo del prestito per la prossima stagione. Il centravanti in questi giorni si trova a Roma ma solamente per curarsi, e dovrebbe ritornare in gruppo la prossima settimana. Fino ad allora la cessione di Floccari alla Spal sarà bloccata, anche se sono già pronti i documenti per il trasferimento a Ferrara del 34enne.

Lo spazio liberato da Floccari potrebbe essere occupato dall'arrivo di un altro attaccante. Sarà Trotta oppure Budimir? Difficile da dire, anche se è sempre in piedi lo scambio con la Sampdoria tra il croato e Oikonomou. L'affare infatti farebbe un po' al caso di entrambe le società e per questo motivo la fumata bianca è sempre possibile da un momento all'altro.
Tuttavia Trotta e Budimir non sono gli unici profili seguiti da Bigon. Il Direttore Sportivo felsineo nella giornata di ieri avrebbe incontrato Mino Raiola per chiedere informazioni su tre dei suoi assistiti. Si tratta di Omar El Kaddouri, Pajtim Kasami del Nottingham Forest e... Ricardo Kishna della Lazio. Tre opzioni che non scaldano il cuore dei tifosi bolognesi, anche se il laziale potrebbe diventare un prospetto interessante, nonché una eventuale pedina di scambio nel caso Cerci vesta la maglia biancoceleste.

Mentre Mbaye e Ferrari certamente rimarranno sotto le Due Torri, il futuro di Marios invece è sempre in bilico. L'affare con i blucerchiati potrebbe andare in porto, anche se prima di tutto bisogna trovare una alternativa, a causa degli infortuni di Helander e Gastaldello che rendono il reparto difensivo con gli uomini contati. I nomi dei candidati a sostituire il centrale difensivo sono: il polacco Rafal Janicki, Thomas Lam del Nottingham Forest e Bartosz Salomon del Cagliari. Uno di questi tre potrebbe arrivare alla corte di Donadoni solamente in caso di cessione di Marios.
Ora è anche ufficiale: Alfred Gomis si trasferisce a titolo temporaneo dal Torino alla Salernitana, dopo i sei mesi passati al Bologna. Lorenzo Musto invece passerà al Foggia dopo il prestito al Gubbio. Proposto ai rossoblù il 27enne Tomas Necid del Bursasport, ma come riporta Stadio la risposta dei felsinei è stata un no.

Il calciomercato del Bologna continua ad evolversi tra una pista e l'altra, sperando che per Cerci sia la volta buona

Davide Mariani

Tifo Bologna, amo il calcio, il tennis ma anche la musica!