Stampa questa pagina

Amarcord: BOLOGNA-CHIEVO VERONA di tanti anni fa… - 17 mar

Scritto da  Mar 17, 2017

 

 

IL DERBY FRA LE RIVELAZIONI DEL CAMPIONATO

Il 20 gennaio 2002 in un stadio gremito da ben ventiduemila spettatori Bologna e Chievo Verona si incontravano per la prima volta in Serie A. La stampa dell’epoca aveva etichettato detta partita come “il derby fra le rivelazioni del campionato” e per una gara così importante anche l’arbitro era stato scelto tra il gotha dei fischietti. La scelta era infatti caduta su Pierluigi Collina, bolognese di nascita, ma della sezione A.I.A. di Viareggio. Inoltre va ricordato che in questa giornata Francesco Guidolin festeggiava la sua 500° panchina nel calcio professionistico.

La partita vedeva il Chievo mettere in opera un gioco in velocità, al quale il Bologna opponeva un centrocampo asfissiante; e con una novità tattica importante. Lamberto Zauli finto centravanti con Julio Cruz spostato a sinistra. Pronti via e al 10’ Bologna andava a rete con Carlo Nervo ma, prontamente, Collina annullava per fallo del rossoblu sul portiere Lupatelli in uscita. I due allenatori si agitavano molto in panchina e, all’ennesima protesta, Guidolin veniva redarguito aspramente da Collina. Il Chievo prendeva, poco alla volta, possesso del campo e mentre dominava il gioco e si aspettava che, da un momento all’altro, i veneti passassero in vantaggio ecco il Bologna in rete. Errore della difesa del Chievo, sul centro sinistra. Lanna dava palla all’indietro, di testa, Cruz se ne impossessa e scendeva sulla destra, cross perfetto, velo di Pecchia e gol di Zauli, sul primo palo (40’). Bologna clamorosamente in vantaggio ma Chievo che, quattro minuti dopo, poteva rimettere in parità la gara. Trattenuta di Gamberini su Cossato, fallo evidente quanto inutile, prontamente punito da Collina. Sul dischetto si presentava Manfredini che calciava a colpo sicuro ma la palla finiva contro l'incrocio dei pali e poi di nuovo in campo. Mentre le due squadre si recavano negli spogliatoi, Guidolin, continuava a protestare con il quarto uomo. Negli spogliatoi Collina lo espellerà.

Al rientro in campo si notava tra i giocatori clivensi una buona dose di nervosismo. Dopo un salvataggio sulla linea ad opera di un difensore del Chievo su un colpo di testa ravvicinato di Cruz si assisteva ad un fattaccio. Violenta entrata di D’Anna su Cruz (57’) e Julio fuori in barella per le cure del caso, mentre D’Anna veniva espulso. Bologna avanti di una rete e con un uomo in più, gara finita? Per niente. Al 70’ Cruz, lanciato al bacio da Zauli, bruciava Lupatelli in uscita alla disperata e raddoppiava. Ma i clivensi non erano domi e dopo soli tre minuti eccoli in rete, con il primo gol in serie A, di Beghetto. Sul risultato di 2-1 il Bologna cominciava a tenere palla per poter portare in porto la vittoria. La partita si avviava stancamente alla fine, senza alcun sussulto se non al 90’, quando il quarto uomo, mostrava la tabella del recupero: ben cinque minuti!

Il pubblico di fede rossoblu rumoreggiava e cominciava ad avere paura di una possibile rimonta veneta. Ma nel lungo recupero non succedeva niente di rilevante se non un attimo prima del fischio di chiusura. Classico contropiede rossoblu, coronato da una bellissima rete di Zauli. Bologna-Chievo 3-1 con Lamberto Zauli miglior giocatore del match.

Lamberto Bertozzi

 

 

Il tabellino dell'incontro:

BOLOGNA-CHIEVO VERONA 3-1

Reti: 40’ Zauli, 70’ Cruz, 73’ Beghetto, 90’+5' Zauli.

BOLOGNA: Pagliuca, Zaccardo, Falcone, Gamberini, Nervo, Brighi I, Olive, Tarantino, Pecchia (79’ Brioschi), Zauli, Cruz. - All. Guidolin.

CHIEVO VERONA: Lupatelli, Moro F., D’Angelo, D’Anna, Lanna S., Luciano, Barone, Firmani (54’ Franceschini D.), Manfredini C. (54’ Beghetto), Cossato II, Marazzina (61’ Lorenzi). - All. Delneri.

Arbitro: Collina Pierluigi di Viareggio.

Note: Minuti di recupero 0'+3'.

 

Didascalie foto:

Foto di apertura: Una formazione del Bologna 2001-02. In piedi: Locatelli, Falcone, Nervo, Wome, Pagliuca, Castellini; accosciati: Olive, Macellari, Signori, Brioschi, Cruz.

Foto in basso: Lamberto Zauli uomo partita festeggiato da Carlo Nervo.

 

Ultima modifica il Sabato, 18 Marzo 2017 08:30