RdC – Le parole di Simone Verdi nel post partita - 20 mar

Scritto da  Mar 20, 2017

Il numero nove, Simone Verdi, torna a spiccare il volo, era da troppo tempo che non riusciva ad illuminare la scena come a inizio stagione; il fantasista prende palla, scambia con Krejcì, chiude il triangolo e di sinistro secca Sorrentino. Il Bologna pareggia e Verdi si scatena a suon di dribbling, aperture sgroppate, intuizioni. Infine l’assist per il 3-1 di Dzemaili.

Ciò che la sorte ha provato a togliergli, Verdi se l’è ripreso con gli interessi. Finalmente l’incubo in cui era caduto il 29 ottobre, contro la Fiorentina, quando saltarono i legamenti, sembra essere finito. E’ arrivato il momento di aggiornare i conti.

 

Oltre ad aver ritrovato la vittoria, i giocatori sono tornati a parlare ai microfoni e il primo è stato proprio Simone Verdi. Ecco le parole del giocatore, secondo Marcello Giordano del Resto del Carlino – “E’ una liberazione, questa vittoria è proprio una liberazione. Il gol mi ha restituito entusiasmo, adrenalina, fiducia e consapevolezza nei miei mezzi. Mi ha liberato dal senso di pesantezza e dalla paura che mi attanagliava. Finalmente sono tornato. Questo è senz’altro il gol più importante della stagione, dopo il periodaccio che io e la squadra abbiamo passato è molto importante. Dopo il pareggio abbiamo ritrovato serenità e ci siamo liberati dalle paure. Abbiamo dimostrato di avere delle qualità. La prossima sfida che ci attende è quella di far vedere che ce la possiamo giocare con continuità.”
Ieri sera alle 19;25, Simone è salito sul treno per Coverciano, direzione Nazionale – “Non mi aspettavo la convocazione perché non stavo facendo bene, la chiamata di Ventura è stata una sorpresa. Mi godo il momento, vado a Coverciano con la testa sgombra e con tanta voglia di divertirmi e imparare dai tanti campioni che vestono la maglia azzurra.”