STADIO: Di Francesco convocato da Ventura e alla ricerca della fiducia di Donadoni - 11 apr

Scritto da  Apr 11, 2017

 

Furio Zara, nel suo articolo odierno in uscita su Stadio, paragona il minutaggio assemblato da Di Francesco, alla formica che trascina le briciole, raccogliendo quello che sarà il suo pranzo e la sua cena. Per ora sono stati concessi solo pochi spezzoni di gara, che però sono bastati per attirare l'attenzione del ct Ventura, che l'ha convocato per lo stage a Coverciano, in cui potrà vedere qualche giovane interessante in due o tre sedute. 

Nello stage programmato dall'allenatore ex Torino non rientra Simone Verdi, che ormai è nel giro della nazionale e non ha bisogno di essere nuovamente testato, visto che Ventura lo ha avuto a disposizione nella settimana e mezzo di preparazione per le sfide contro l'Albania e l'Olanda. Simone ha giocano solo 5 minuti contro gli orange, un niente, ma almeno ha avuto la soddisfazione della chiamata e dell'esordio. 

Tornando a Di Francesco, ha giocato solo 4 match consecutivi da titolare: Juventus, Crotone, Torino e Cagliari. Risultato: una sconfitta, due vittorie e un pareggio. Non si può certo dire che tutte le sconfitte dei rossoblu siano causate dal mancato impiego dell'esterno nato a Pisa, ma qualche minuto in più magari se lo meritava anche. 
L'intento di mister Donadoni è quello di farlo crescere gradualmente, tirandogli le orecchie quando è necessario, come nel post partita contro l'Udinese, in cui Federico non coprì bene il cross di Widmer che portò alla rete di Danilo. 

Di Francesco alla ricerca della fiducia quindi. In queste ultime partite da subentrante sta facendo ottime cose, riuscendo a cambiare spesso il ritmo alla partita. Ora spetta a Donadoni scegliere se dosarlo ancora molto, o mandarlo in campo con più continuità, magari da titolare. 

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.