STADIO - Donadoni alla ricerca di certezze. Chance per Viviani - 20 apr

Scritto da  Apr 20, 2017

CERTEZZE CERCASI - Roberto Donadoni torna nella sua Bergamo e lo fa da avversario come lo ha fatto tante altre volte scrive Furio Zara sul Corriere dello Sport Stadio.
Il tecnico rossoblù è alla ricerca di conferme e certezze per il futuro prossimo del suo Bologna, un Bologna immerso nel suo progetto di crescita graduale ancora agli albori contro il “modello” Atalanta, che continua a stupire e che attualmente vive il suo momento migliore.
Sarà una partita cruciale sotto molteplici punti di vita, continua Zara, dato che non molto tempo fa, in seguito alla sconfitta per mano della Fiorentina, lo stesso Roberto Donadoni ha affermato che da quel momento in po le sue scelte sarebbero state fatte in ottica futura e non solo guardando al presente prossimo. Un “casting” che è cominciato forse anche con la panchina di Mattia Destro che ora deve riconquistarsi la fiducia del tecnico.
Bisogna anche però guardare agli effettivi e, dal punto di vista delle carte in mano a disposizione, Donadoni non ha la fortuna dalla sua. Con gli infortuni di Nagy, Rizzo, Helander e un Donsah non sempre al meglio, le alternative diventano limitate anche se potrebbe pescare alcune carte dalla formazione Primavera buttando nella mischia, ad esempio, Owonkwo che ha già esordito in prima squadra nel corso di questa stagione.
Il tecnico dovrà capire di chi si può fidare, continua Zara, chi tra i suoi ragazzi a sua disposizione ha tecnica e personalità adatte al suo Bologna di oggi ma soprattutto di domani.
Occasione buttata via ad esempio da Erik Pulgar, bocciato in questa sorta di esame di maturità, il suo cartellino rosso a Palermo oltre a aver messo in difficoltà la squadra ha insinuato qualche dubbio ed al cileno è stato spiegata la gravità del suo errore. 
Ed è anche considerando queste sfumature che Donadoni emetterà un giudizio sul suo Bologna.

VIVIANI SOTTO OSSERVAZIONE - Un altro giocatore sotto esame è Federico Viviani che a Bergamo avrà l’occasione di tornare in cabina di regia giocandosi di fatto il suo futuro a Bologna dove è arrivato in prestito dall’Hellas Verona con un riscatto opzionale fissato a cinque milioni.
Un talento, quello dell’ex Hellas, che quest’anno non è mai riuscito ad imporsi ed affermarsi a pieno regime, ha faticato a trovare spazio soffrendo molto la concorrenza con il cileno Erik Pulgar.
La chance definitiva e forse la sua ultima, Federico Viviani l’avrà a Bergamo, complice anche le molteplici defezioni Nagy stagione finita, Pulgar squalificato, Rizzo fuori uso e Donsah non in condizioni ottimali.
Ristrette tutte le possibilità di scelta Donadoni sarà obbligato a schierare il centrocampista nato a Lecco, che avrà la possibilità di dimostrare, sia a Donadoni che a Bigon che lo ha fortemente voluto a Bologna, di meritare un’altra occasione. Una sua buona prestazione in quest’ultima parte di stagione porterebbe facilitare la trattativa con l’Hellas Verona, andando probabilmente ad intervenire sul prezzo fissato alla luce anche del fatto, conclude Zara, che le due società hanno una serie di operazioni da concludere e finalizzare. 

Ultima modifica il Giovedì, 20 Aprile 2017 11:06
Sara Melotti

Sarina per gli amici. Inviata multitasking, aspirante fotografa e giornalista.
Oltre alla passione per il Bologna ama la fotografia, lo sport in generale, i motori e gli animali.