RdC - De Maio “Bologna mi rilancerà” - Oggi la prima amichevole a Castelrotto in diretta su Facebook - 15 lug

Scritto da  Lug 15, 2017

Due pagine marcate Bologna, è così che si presenta l’edizione odierna de “Il Resto del Carlino” con il quotidiano che affronta tramite la penna di Marcello Giordano molteplici argomenti di questo nuovo Bologna.

IL GIORNO DI DE MAIO - “Il calcio mi ha salvato da tante cose, il Bologna mi rilancerà”, si è presentato così Sebastien De Maio il primo dei nuovi ad essere presentato alla stampa al centro sportivo di Laranz di Castelrotto. Un ragazzo umile e che ha fatto tanta gavetta prima di arrivare sui “palcoscenici che contano” partendo da uno dei sobborghi più pericolosi di Parigi fino ad arrivare in Serie A “Giocavo nelle giovanili del Nancy, il mio agente mi portò in Italia per un provino al Vicenza. Ma Micheli, osservatore di Bigon, all’epoca lavorava a Brescia, mi scoprì e mi prese. La mia carriera è iniziata così nel 2006” ed è così è iniziata l’avventura italiana del difensore. Poi, come detto, tanta gavetta fino ad arrivare a Genoa per poi andare ai belgi dell’Anderlecht, un’esperienza che però non è partita con il piede giusto sin da subito soprattutto per la sua famiglia “Io non avevo problemi, mi sentivo al sicuro, ma mia moglie non si sentiva pronta per l’esperienza” poi sono arrivati gli attentati e la decisione di rientrare in Italia alla Fiorentina dove probabilmente il ragazzo non si è mai sentito capito “Non è andata come avrei voluto, il tecnico ha fatto altre scelte che ho sempre rispettato, pur non condividendole”.
Ed infine la chiamata sperata è arrivata con Di Vaio che a fine maggio alza il telefono e lo contatta per proporgli un futuro in rossoblù con il giocatore che accetta subito ma ad una sola condizione “ Gli ho solo chiesto una cosa: che mi acquistassero, non volevo un prestito, ma un nuovo percorso di crescita”; e così è stato con il Bologna che ha versato 2 milioni ai belgi per accaparrarsi il giocatore che ora affronta i primi giorni di ritiro a Castelrotto con i nuovi compagni “Le prime sensazioni sono positive: ci sono compagni giovani che vogliono affermarsi o consacrarsi, altri che vogliono riscattarsi dopo una stagione storta e crescere. Questo è anche il mio caso. Sono pronto a tutto, ho giocato più spesso nella difesa a 3, ma spesso erano difese a 4 mascherate. Posso essere impiegato in entrambi i sistemi” continua il difensore nella conferenza stampa di ieri che conclude dimostrando che, sia lui sia il Bologna, sono pronti a crescere “Sono qui per fare cose importanti, come tutti i miei compagni” con la convinzione che questi colori così simili a quelli dal Genoa che lo hanno consacrato, conclude Giordano, lo aiutino a tornare uno dei migliori difensori di Serie A.

QUI CASTELROTTO: OGGI LA PRIMA AMICHEVOLE - Finalmente si gioca ed il Bologna è pronto per affrontare la prima amichevole del ritiro di Castelrotto con una novità: l’amichevole sarà trasmessa per la prima volta in diretta su Facebook a partire dalle 17, scrive Giordano.Oggi pomeriggio, continua il giornalista, Donadoni si schiererà con tutta probabilità con un 4-2-3-1 con Krafth, De Maio, Maietta e Masina per quanto riguarda il reparto arretrato mentre a Taider e Poli verranno consegnate le chiavi del centrocampo. Il tecnico ha anche provato altre soluzioni con gli uomini a sua disposizione schierando con il medesimo modulo Mbaye, Gastaldello, Helander, Torosidis, Pulgar, Crisetig (o Valencia), Mounier, Verdi, Di Francesco e Petkvic.
Archiviata poi la partita odierna si replicherà domani dove, sempre alle 17, il Bologna sarà impegnato conto la Virtus Acquaviva formazione Sammarinese partita nella quale il tecnico alternerà i suoi uomini sul campo dopo l’allenamento che verrà comunque svolto nella mattinata di domani.

Foto: Bolognafc.it

Ultima modifica il Sabato, 15 Luglio 2017 08:36
Sara Melotti

Sarina per gli amici. Inviata multitasking, aspirante fotografa e giornalista.
Oltre alla passione per il Bologna ama la fotografia, lo sport in generale, i motori e gli animali.