RdC: Saranno Palacio e Josè Mauri gli uomini giusti? – 7 ago

Scritto da  Ago 07, 2017

 

Quello che è successo sabato alla Wirsol Rhein-Neckar-Arena rischia di portare avanti una serie infinita di complicazioni che proprio non ci volevano; aspettando di conoscere i tempi di recupero e l’infortunio di Falletti, Massimo Vitali fa il punto sul mercato rossoblu, costretto quasi a forza a riaprirsi. Sul Resto del Carlino leggiamo di come, a una sola settimana dall’inizio della stagione, i piani di Roberto Donadoni rischiano di essere completamente stravolti: l’infortunio del fantasista rischia di mandare all’aria tutta la preparazione estiva improntata sul  4-2-3-1, con il 4-3-3 che torna prepotentemente in auge.

Se prima dell’amichevole contro l’Hoffenheim si setacciava il mercato alla ricerca di ritocchino, ora lo si sta analizzando in lungo e in largo per trovare due rinforzi che possano da subito dire la loro.

 

Se poi aggiungiamo la situazione legata a Felipe Avenatti, beh, risulta tutto molto complicato. Ecco quindi che aumentano, giorno dopo giorno, le possibilità di vedere Rodrigo Palacio, El Trenza, vestire la maglia rossoblù: per il 35enne argentino si sta discutendo sulla base di un contratto annuale con una possibile soluzione per la seconda stagione. L'ex giocatore dell’Inter (attualmente svincolato) ha dalla sua la capacità di ricoprire più ruoli, diventando una pericolosa arma tattica a servizio del Mister. Sì ma il sostituto di Falletti? Ad oggi non ci si pensa, si guardano altri profili, sempre tenendo conto della famigerata lista degli over che al momento limita le entrate: se Falletti e Avenatti non dovessero rientrarci da subito a causa dei problemi fisici, e se si riusciranno a trovare soluzioni per Crisetig e Mounier, solo a quel punto si potrà sferrare l’attacco decisivo per portare l’attaccante sotto Le Due Torri.  A centrocampo, con la possibile rinascita del modulo tanto visto l’anno scorso, Pulgar non sarebbe costretto a salutare, ma anzi rimarrà e con Lui potrebbe arrivare Josè Mauri, che già conosce il tecnico bergamasco avendolo avuto ai tempi di Parma: un ragazzo classe ’96 che sembra avere tantissime qualità e caratteristiche che, al momento, non sembrano essere in rosa. Si parlerà anche di Falco, per capire quali potrebbero essere gli spazi in grado di ritagliarsi.

Giacomo Guizzardi

Nato e cresciuto in periferia, inizia a collaborare con 1000 Cuori Rossoblu nel novembre del 2015. Al momento gestisce tutto ciò che riguarda la Primavera del Bologna, tra approfondimenti, cronache dei match e calciomercato.
Calciatore fallito, aspirante giornalista.