Calciomercato Bfc - Donadoni attende un attaccante: queste le ipotesi - 12 ago

Scritto da  Ago 12, 2017

Nella conferenza stampa di ieri Roberto Donadoni è stato chiaro: "Mi auguro possa arrivare qualcuno in attacco". L'infortunio di Falletti è stata una tegola più dura di quanto ci si potesse aspettare. Il trequartista, infatti, partiva da titolare nelle gerarchie dell'allenatore felsineo, ma il suo infortunio ha stravolto piani e modulo. I due mesi di stop di Falletti costringono dunque Bigon ad intervenire con urgenza sul mercato. Donadoni gradirebbe molto, in particolare, l'arrivo di Rodrigo Palacio. Bologna ha fatto la sua offerta, ma anche Atalanta e Genoa hanno avanzato delle proposte. Nel corso della prossima settimana l'argentino comunicherà da dove ripartirà la sua carriera. La formula proposta dal Bfc (un anno di contratto con opzione di rinnovo per il secondo) ha trovato il gradimento dell'ex Inter. Le parti invece sono distanti circa 300mila euro per quanto riguarda le cifre dell'ingaggio. La dirigenza petroniana rimane positiva, ma sa che ora l'ultima parola spetta al giocatore. Il ragazzo classe 1982 sceglierà tra l'ottima proposta emiliana, la possibilità di giocare l'Europa League con l'Atalanta e l'emozione di un ritorno a Genova.
Se Palacio non dovesse scegliere Bologna, i rossoblù avrebbero già pronte delle alternative. Leonardo Pavoletti sarebbe la più estrema perché chiederebbe un grande sforzo economico e cambierebbe totalmente le strategie di Donadoni. Per di più il Napoli vorrebbe acquistare Simone Verdi dal Bfc, motivo in più per non intavolare trattative con i partenopei.
Altre piste per l'attacco portano i nomi di Federico Dionisi, Levan Mchedlidze e Libor Kozak. L'attaccante del Frosinone è valutato 4 milioni e dunque è troppo costoso, così come io georgiano dell'Empoli. L'ex Lazio, invece, non convince dal punto di vista fisico.
Anche Moise Kean della Juventus rimane sempre una trattativa percorribile, ma nelle ultime ore si starebbe vociferando un clamoroso interesse felsineo per Patrick Cutrone, attaccante classe '98 del Milan. Tali voci vanno però prese con le pinze. Cutrone è sicuramente giovane e alla ricerca di spazio, ma la doppietta segnata contro il Bayern e i tanti gol siglati finora con la prima squadra potrebbero aver convinto Montella a puntare su di lui. Certamente, al momento, la punta è ancorata ai rossoneri. Solamente l'eventuale arrivo di un centravanti come Kalinic potrebbe rimescolare le gerarchie e costringere il Milan a dare minutaggio a Cutrone in un'altra squadra. Il futuro del ragazzo sembra più simile a quello di Pinamonti con l'Inter.
La news più significativa di giornata è però l'assenza di Godfred Donsah nella lista dei convocati per il match di stasera. Questa notizia potrebbe significare una improvvisa accelerata della trattativa con il Torino, ma anche un acciacco muscolare della mezzala classe '96, anche se non compaiono note sul sito del Bfc a giustificare tale ipotesi. Ad ogni modo, il rapporto di Donsah con il Bologna è ai minimi termini, e non c'è da sorprendersi se Bigon e Petrachi avessero trovato l'intesa per il trasferimento in granata del centrocampista. I due club avevano già trovato l'accordo sulla formula (prestito con obbligo di riscatto), e sono continuamente al lavoro per avvicinarsi sulle cifre. La prossima settimana potrebbe essere quella giusta per la fumata bianca.
Nel frattempo, il Nantes ha sondato il terreno per Anthony Mounier. Il Bologna lascerà partire l'ala solamente di fronte ad una offerta congrua del club transalpino. In caso contrario, il francese potrebbe restare sotto le Due Torri, vista la grande duttilità tattica mostrata in questo precampionato.
Continua invece il pressing di Watford e West Ham per Saphir Taider, ma l'algerino non si separerà da Bologna ad una cifra inferiore ai 7 milioni di euro.

Davide Mariani

Tifo Bologna, amo il calcio, il tennis ma anche la musica!