RdC - La medicina per Mattia ha un nome: Palacio - 3 ott

Scritto da  Ott 03, 2017

Non ci si aspettava di vederlo in campo a Genova, invece Donadoni lo ha buttato nella mischia, e qualche risposta Destro l'ha data. Innanzitutto, come scrive Marcello Giordano, si è mostrato cattivo su qualche palla, ma soprattutto decisivo nell'azione del gol, con quel velo che ha permesso a Palacio di involarsi verso la porta. Un (non)gesto tecnico non da tutti, che è importante sottolineare.
Poi è vero, non ha trovato il tempo giusto per concludere una bellissima azione in combinazione sempre con Palacio, ma almeno si è visto un Mattia diverso. 

Ora il numero 10 non è più l'unico riferimento offensivo, e questo può essere un bene per 2 motivi.: innanzitutto può ritrovarsi in un calcio migliore e più armonico, e poi questo aspetto lo porterà (si spera) a volersi riconquistare il posto da titolare, ben occupato in sua assenza da Palacio e Petkovic

E' probabile che al rientro contro la Spal Destro giochi titolare, magari in quel 4-2-3-1 provato per ora solo contro la Spal, per via di infortuni e altri fattori.
In mezzo nei 3 dietro alla punta ci sarà "El Trenza", pronto a muoversi per rendersi pericoloso e magari regalare qualche pallone importante a Mattia, che dovrà farsi trovare pronto sottoporta, per allontare i fantasmi che lo vedono ancora troppo molle davanti al portiere. 

Tra due settimane avremo tutte le risposte, sperando che nasca una nuova coppia del gol. 

 

(Fonte immagine: La Stampa)

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.