Rdc – Il regalo per il Bologna: una targa per celebrare la nascita del club – 4 Ott

Scritto da  Ott 04, 2017

Compiere 108 anni non è per tutti, anche nel mondo del calcio italiano, dato che, oltre al Bologna, sono pochissime le altre squadre che possono vantare un simile traguardo di longevità. E come ogni compleanno che si rispetti, è necessario un regalo: un regalo che, come ci riporta Massimo Vitali sul Resto del Carlino di oggi, arriverà da parte del Comune su richiesta di Joey Saputo.

Nella giornata di ieri, anniversario della fondazione del club rossoblu, il Bologna ha pubblicato sul proprio sito un video in cui il magnate canadese fa i propri auguri al club. Ma non solo. Nelle riprese, si vede il chairman rossoblu che, passeggiando per le vie del centro, fa la sua richiesta di regalo proprio al comune: una targa celebrativa per ricordare il luogo in cui, 108 anni fa, è stato fondato il Bologna Football Club. L’allora via Spaderie 6, dove si trovava la birreria in cui Emilio Arnstein, Louis Rauch, Guido Della Valle e Arrigo Gradi hanno dato i natali alla squadra petroniana, ora non esiste più, perciò, puntuale come un orologio svizzero dopo il video di Saputo, ecco che arriva la risposta del sindaco Virginio Merola: “Il comune accoglie con grande piacere la sollecitazione che arriva dal presidente del Bologna, Joey Saputo, di collocare una targa dove il club fu fondato, in via Spaderie 6, nel cuore del centro storico, tra via Rizzoli e via Orefici. Oggi quella strada non c’è più: sistemeremo la targa su uno degli edifici che ne hanno preso il posto”.

 

Sicuramente un accordo che era già stato preso da tempo, considerando il sincronismo perfetto tra la domanda e la risposta, ma quel che più conta è il risultato, ovvero che il Bologna avrà finalmente qualcosa che ricordi la sua nascita, nel luogo dove tutto ebbe inizio. E ancora una volta, non possiamo fare altro che dire: Grazie Joey Saputo.

Roberto Rossi

Oltre ad essere tifoso del Bologna F.C è anche un grande appassionato di musica e basket, sia italiano che estero. E' anche uno dei registi della trasmissione radiofonica "Al Ritmo del Goal"