RdC - C'è un puzzle in difesa da ricostruire per Mister Donadoni - 8 ott

Scritto da  Ott 08, 2017

 

 

La difesa (quinta migliore in campionato per goal subiti) è il reparto su cui Roberto Donadoni ha investito di più, in termini di attenzione, analisi e allenamenti dedicati. Solo 7 reti subite (una a giornata disputata), contro le ben 11 di un anno fa, contando che nel frattempo si sono incontrate  4 squadre potenzialmente di caratura superiore (Napoli, Inter, Fiorentina e Torino), subendo 5 goal in due partite (Napoli e Fiorentina). Questi sono i numeri che denotano la solidità ritrovata e un certo equilibrio nella gestione delle fasi di non possesso palla, valori che stanno crescendo con il procedere del campionato, ritrovando protagonisti che, giocando insieme, stanno trovando quei meccanismi che permettono alla squadra di costruire maggiori sicurezze, qualunque avversario si trovi ad affrontare. Oggi però la difesa ha due ordini di problemi: l'ennesimo infortunio di Maietta, che sarà indisponibile per alcune settimane, e la settimana delle Nazionali, che restituirà i giocatori fra giovedì e venerdì, sperando che le condizioni risultino ottimali per i reduci dai rispettivi impegni e da voli anche intercontinentali (Gonzalez, ma anche Pulgar per il centrocampo). Anche Krafth, Helander e Torosidis rientreranno in gruppo solo giovedì, dando pochissimo tempo al Mister di poter provare le eventuali soluzioni alternative. Per questo motivo, con Gonzalez in arrivo non prima di venerdì prossimo con il fuso orario da smaltire, la candidatura di De Maio a fianco di Helander si fa decisamente caldissima: opportunità per il transalpino di recuperare il terreno perduto nelle prove non brillantissime fin qui disputate (contro il Sassuolo in primis, ma non solo). Ma non sono da scartare anche le ipotesi di Torosidis centrale (già provato da Donadoni in allenamento e nella scorsa stagione a Genova), con lo slittamento sulla corsia di destra di Mbaye, rientrando nel suo ruolo naturale Masina. In attesa di riavere al 100% il guerriero Maietta.

 

(Fonte Marcello Giordano - RdC - Photo Valentino Orsini)

Ultima modifica il Sabato, 28 Ottobre 2017 15:17
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"