CorrBo - Mattia forza i ritmi e si candida per una maglia da titolare - 11 ott

Scritto da  Ott 11, 2017

 

 

Mattia spinge, sbuffa, corre e rincorre, si allena con determinazione, come da tempo non si vedeva: vuole, fortemente, ritornare titolare e la voglia matta di esserci spinge a impegnarsi per farsi trovare pronto. Spal o Atalanta non importa: lui vuole esserci. Intanto Rodrigo Palacio si allena a parte rispetto al gruppo, avendo stilato fin dall'inizio della sua presenza in rossoblù un percorso personalizzato: nessun problema comunque anche lui si gioca la maglia da titolare come Mattia, scrive Claudio Beneforti nel suo articolo odierno. Ieri giornata positiva per il gruppo che ha visto quasi svuotarsi l'infermeria: DI Francesco e Keita, abili e arruolati, si sono allenati regolarmente e diventano disponibili per la gara interna contro gli estensi. Al palo (se così vogliamo dire, ndr), rimangono solo Maietta e il lungo degente (per cui si nutrono positive speranze) Avenatti. Per questo e fin da domenica, mister Donadoni avrà, letteralmente, l'imbarazzo della scelta, con la possibilità di variare modulo, tenendo conto "dell'usura" dei nazionali, che comunque potranno essere tutti utilizzati nel trittico della settimana successiva (Atalanta, Lazio, Roma) facendo ruotare pressoché tutta l'intera squadra. A centrocampo potrebbe esserci il dubbio Pulgar, che rientra dal Cile solo venerdì e che non riuscirà a preparare la partita con i compagni: al suo posto Poli o Crisetig (entrambi, peraltro, non hanno convinto a pieno in quella specifica posizione in campo), avendo Donadoni, in questi giorni, provato sia il 4 3 3 che il 4 2 3 1 (molto più offensivo del primo). Col rientro di tutti i giocatori in attacco, il secondo modulo diventa una scelta che tenta il nostro Mister, anche perché contro un centrocampo a tre (quello spallino, che schiera Mora, Viviani e Schiattarella), il nostro trequartista sarebbe il primo giocatore rossoblù a "distruggere" il gioco del loro play, che in questo caso sarebbe Viviani. E come trequartista, Donadoni avrebbe assoluta possibilità di scelta: Verdi, Petkovic o lo stesso Palacio. Poi a centrocampo, in caso di 4 2 3 1, le scelte ricadrebbero su Poli e su Taider o Donsah, più il primo che il secondo. Ma siamo solo a mercoledì e le fila del discorso verranno tirate solo venerdì, una volta rientrati i nazionali. E allora, il profumo di Bologna - Spal sarà forte nell'aria.

(Photo Valentino Orsini)

Ultima modifica il Sabato, 28 Ottobre 2017 15:15
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"