Radio Casteldebole - Donadoni: "Ogni partita è fondamentale per il nostro cammino" - 14 ott

Scritto da  Ott 14, 2017

Dopo aver archiviato la sosta per le Nazionali riparte finalmente il campionato di Serie A e per il Bologna sarà derby.
In un Dall’Ara quasi esaurito per l’occasione i rossoblù di Roberto Donadoni affronteranno la neo promossa Spal alla ricerca di una grande prestazione in uno stadio importante e con il fattore derby che potrebbe influenzare la partita“Quello che deve incidere è la nostra prestazione. - apre la conferenza pre-partita l'allenatore rossoblù - Sappiamoche avremo davanti un avversario che chiaramente vuole fare risultato e far punti. Noi dobbiamo affrontarli come se avessimo davanti la prima in classifica. Se si continua a ragionare che, in funzione della classifica dell’altro, si possa avere un atteggiamento diverso questo è un grosso limite. Contro il Genoaabbiamo fatto un ottima prestazione a livello di risultato finale ma con una performance che può e deve essere migliore e migliorabile.”

Con il rientro di Pulgar e Gonzales, entrambi impegnati oltreoceano, l’allenatore rossoblù ha potuto avere tutta la sua squadra al completodecidendo inoltre di spostare anche qualche allenamento in modo da far assorbire ed assimilare la differenza di fuso orario “Si sono allenati eri nel pomeriggio per consentire loro un recupero migliore. Li ho visti bene e non ci sono problemi. Vediamo oggi nell’allenamento. Voglio una squadra al top e la rifinitura di oggi sarà fondamentale.“

Parlando di condizioni fisiche è inevitabile arrivare a parlare di Mattia Destro e delle chances di partire titolare nella partita di domani “Ha le stesse chances degli altri - sentenzia l'allenatore - dopo pausa nella parte iniziale della settimana ora si sta allenando a pieno ritmo così come gli altri. Lui sa che le chances di essere protagonista dipendono dal quotidiano. Noi siamo tutti in attesa di vedere Mattia Destro nelle condizioni migliori perché può essere un valore aggiunto. Lui deve essere convinto di questo in modo che la scelta cada su di lui. Di Francesco? Ha risolto tutti i suoi problemi. L’unico ad essere fermo é Mimmo Maietta che ha però già cominciato a lavorare. Penso che settimana prossima possa rientrare.”
Rodrigo Palacio ha invece lavorato a parte forse andando a mettere benzina nel motore vista la mancata preparazione con il resto del gruppo “Lo abbiamo gestito molto, ha avuto qualche piccolo fastidio. Lui è un grande protagonista e conosce bene il suo fisico e ci trasmette costantemente le sue sensazioni. Chiaro che quando lo vedi esprimersi come ha fatto diventa uno standard ma è vero che bisogna saperlo usare. La sua gestione sarà fondamentale per lui così come per gli altri.”

Una squadra quasi al completo che offre un’ampia scelta dal punto di vista tattico “Noi abbiamo rosa che vogliamo che sia sempre competitiva e sia in salute. Non facciamo scelte in funzione di assenze, squalifiche e via dicendo. Ora dobbiamo portare la condizione generale al top del livello e vedremo la meritocrazia cosa dirà. Mi auguro di poter utilizzare tutti. Mi auguro che abbiamo tutti lo stesso atteggiamento di voler essere meglio del compagno e crearsi quindi una chance.”

Si arriva quindi a parlare dell’avversario con una Spal quasi sempre schierata alla stessa maniera ma allo stesso tempo offre una grande intensità sul terreno di gioco “È una buona squadra, che ha raccolto meno di quello che dice la sua classifica. E’ una squadra vera. L’impatto sarà fondamentale, come sarà fondamentale estraniarsi da tutto e concentrarsi sulla prestazione. Chiaramente loro hanno la necessità di fare punti, mentre noi vogliamo mantenere il nostro standard attuale. Ogni partita parte da zero a zero e noi dobbiamo sapere che ogni partita è fondamentale per il nostro cammino.”

Un Bologna è attualmente il primo classifica per ammonizioni mentre durante la scorsa stagione risultava essere più “docile”. Questione che però non entusiasma l’allenatore rossoblù “Prendere tante ammonizioni non è un segnale positivo. La nostra credo non sia una squadra fallosa ma è giusto che in campo ci sia un impatto fisico adeguato. Limare le ammonizioni e qualcosa che dobbiamo saper fare.”
Altra cosa cambiata rispetto alla scorsa stagione è la maniera nella quale la difesa viene protetta dai reparti più avanzati “E’ fondamentale avere equilibrio. Quando si parla di protezione della difesa si vanno a indicare i due o tre centrocampisti che hanno il compito di farlo ma non è così. È tutto un ragionamento di squadra. Partendo dalla nostra punta. Equilibrio che è fondamentale per noi e per tutte le altre squadre.”
Bologna che è migliorato anche dal punto di vista della presenza sul campo ma che vede l'allenatore non cedere ad un eccessivo entusiasmo “Ci vuole tempo per giudicare. Il campionato ha preso un po' questo indirizzo ma deve passare ancora tanta acqua sotto i ponti.”

Sulla panchina avversaria ci sarà Leonardo Semplici allenatore che non ha un grande passato di giocatore ma che da tecnico sta dimostrando di avere stoffa e qualità per restare tra i grandi. Un percorso sicuramente opposto rispetto alla carriera del tecnico bergamasco “Sacchi diceva che per essere un ottimo fantino devi essere stato prima cavallo. Semplici non ha avuto un grande passato di giocatore ma si è costruito una storia importante da allenatore e oggi allena una squadra in Serie A. Vanno riconosciute le grandi capacità e lui ha dimostrato e dimostra quindi grande rispetto da questo punto di vista. “

Ultimo ma non ultimo argomento toccato in chiusura di conferenza stampa è stata la prestazione di Simone Verdi con la nazionale maggiore con gli stimoli del ragazzo che sono sicuramente aumentati “Gli stimoli devono essere per forza superiori. Ha fatto l’esordio dal primo minuto cosa che è gratificante per lui. Credo che nelle difficoltà generali di quella gara non abbia demeritato rispetto ad altri. Ma come gli ho detto quando è rientrato la sua nazionale è indiscutibilmente il Bologna è quella che gli farà avere il biglietto per i mondiali. Quindi da lui mi aspetto che lui abbia coscienza dei suoi mezzi e che li metta a servizio del Bologna.”

Di seguito la conferenza stampa di Roberto Donadoni:

Ultima modifica il Sabato, 28 Ottobre 2017 15:12
Sara Melotti

Sarina per gli amici. Inviata multitasking, aspirante fotografa e giornalista.
Oltre alla passione per il Bologna ama la fotografia, lo sport in generale, i motori e gli animali.