Stampa questa pagina

CorrBo - The Swedish Connection sulla strada dell'Italia per Russia 2018 - 18 ott

Scritto da  Ott 18, 2017

 

 

Dall'urna di Zurigo è uscito il giallo e il blu, che non significa Verona, che il Bologna Fc incontrerà il 20 novembre, ma la Svezia di Filip Helander ed Emil Krafth. In quel di Casteldebole, sicuramente, qualche battuta sarà volata fra chi ci sarà e chi ci potrebbe essere: Emil e Filip da una parte e il possibile (ma difficilmente probabile) Simone Verdi che dopo la convocazione ottobrina di Ventura, potrebbe non essere convocato per questo doppio confronto (il 10 in Svezia e il 13 a San Siro). I due scandinavi, al contrario, saranno certi della convocazione: Helander e Krafth non partono titolari, ma riserve, ma sono tenuti in grande considerazione dall'attuale Ct Andersson, che sicuramente li farà rientrare nella lista dei 23 per Russia 2018. E sulla fascia destra del Bologna ci sono ben due potenziali aspiranti a partecipare alla competizione iridata dell'anno prossimo: anche Vasilis Torosidis si giocherà uno spicchio di speranza  contro la fortissima Croazia e saranno loro due a dover sostituire Ibrahima Mbaye per le 4 partite che li separano dalla data degli spareggi (rispettivamente Atalanta, Lazio, Roma e Crotone), visto che il giocatore senegalese ne avrà per circa un mesetto. Purtroppo, nel suo momento migliore, Ibrahima, domenica scorsa, ha accusato un problema muscolare che lo terrà fuori dal campo fin dopo la pausa per la nazionale. C'è da sottolineare che Mbaye è accompagnato da una statistica eccezionale a suo favore: degli 8 goal incassati fin qui dal Bologna (quinta migliore difesa di tutto il campionato), con lui in campo il Bologna ne ha subito solo uno, quello contro l'Inter che lui stesso, involontariamente, ha provocato. Un Talismano sulla fascia destra con la speranza di un velocissimo recupero. 

 

(Fonte Alessandro Mossini - Corrbo - Photo Valentino Orsini)

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Sabato, 28 Ottobre 2017 15:08
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"