RdC - Donadoni's Dilemma: 11 guerrieri cercasi - 28 ott

Scritto da  Ott 28, 2017

La squadra degli infortunati è fatta, questi di sicuro non scenderanno in campo: Mirante, Mbaye, Torosidis, Taider, Keita e Palacio. E allora Mister Donadoni, alla vigilia di un impegno importante come quello contro la Roma, inizia a sfogliare la margherita dei convocati, sapendo che la contingenza non gli sta dando una mano. In avanti, forse, permane il dubbio più importante: Destro o Petkovic? Il dubbio permane, anche se Mattia contro la sua ex squadra ha sempre sfornato prove importanti, con quella motivazione che solo i "sedotti e abbandonati" possono esprimere. Al momento il croato ex Trapani sembra avere la precedenza, per una maggiore mobilità che mette a disposizione della squadra, abbinata ad una capacità di far salire la squadra nei momenti di possesso palla. Per il resto della formazione i giochi sono pressoché fatti: Da Costa in porta (con Santurro in panchina), Krafth e Masina sui lati del campo in difesa, mentre al centro, accanto a Helander, scontato il rientro di Gonzalez "scontata" la squalifica. A centrocampo Poli rientra e diventa disponibile: Donadoni potrebbe ridisegnare il centrocampo con l'aggiunta di Nagy al fianco di Pulgar e Poli, con Donsah pronto a subentrare nella ripresa. In avanti, ormai rientrati Falletti e Di Francesco in gruppo, l'abbondanza è di casa: detto del dubbio fra Petkovic e Destro, Verdi e Di Francesco potrebbero essere le ali tattiche da far scendere dal primo minuto sul terreno di gioco dell'Olimpico. Ma se il Mister volesse dare una maggiore impronta difensiva, ecco che l'impiego di Krejici sull'out di sinistra potrebbe essere la soluzione da adottare. Attenzione a Cesar Falletti: si candida per giocare almeno 30 minuti della ripresa, sapendo che solo giocando si può riprendere il ritmo partita. In attesa che Sua Maesta Rodrigo si riprenda il posto in avanti, senza vincoli di ruolo: dovunque verrà messo, sarà un successo. Garantito.

 

(Fonte Marcello Giordano - RdC - Photo Sara Melotti)

Ultima modifica il Sabato, 28 Ottobre 2017 09:09
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"