Stampa questa pagina

Calciomercato Bfc - Bigon vuole trattenere i gioielli rossoblù - 2 gen

Scritto da  Gen 02, 2018

Il calciomercato sta per riaprire i battenti. Lo start è previsto ufficialmente domani 3 gennaio 2018, mentre la chiusura avverrà alle 23 del 31. Il Bologna non dovrebbe essere la società regina di questa sessione invernale, anche se molto probabilmente sentiremo spesso parlare di Bigon e del muro rossoblù di fronte agli attacchi delle big. I vari Simone Verdi, Adam Masina e Federico Di Francesco, talenti preziosissimi dei felsinei, saranno infatti contesi dalle squadre di vertice in Italia. Il fantasista di Broni piace davvero tantissimo a Inter e Napoli, con i partenopei disposti addirittura ad offrire 25 milioni. Tuttavia, il ragazzo e il Bfc non sono disposti a trattare, almeno non per una operazione da effettuare in questo mese. I petroniani infatti non sono disposti a privarsi del proprio top player a metà stagione. Inoltre, il contratto del classe 1992 scade a giugno 2021 e di conseguenza la dirigenza emiliana non ha fretta di fare cassa. E poi c'è il prezzo. Ricordiamo che il 20% dei 25 milioni offerti dal Napoli andrebbero nelle casse del Milan. Per questo motivo, i felsinei vorrebbero aspettare che il costo del cartellino di Verdi si alzi ulteriormente, così da guadagnare cifre più cospicue.
Arriviamo a Adam Masina. Onestamente parlando, il terzino non sta brillando in campionato come Simone, ma al contrario sta collezionando una serie di brutte performance, come sottolineato da mister Donadoni. Il Bologna ha avanzato la propria proposta di rinnovo del contratto, in scadenza a giugno 2019, già tempo fa. Il classe 1994 sta riflettendo se continuare con la squadra della sua città, o se cambiare aria per trovare nuovi stimoli. Sulle sue tracce parrebbe esserci la Fiorentina del suo estimatore, Pantaleo Corvino, e... Il Napoli. Anche a Masina non piace l'idea di poter rimanere in panchina a servizio di Sarri. Tuttavia, l'opportunità di giocare la Champions e la poca concorrenza sulle fasce campane potrebbero spingere il mancino ad accettare la corte partenopea. La carriera dell'italo marocchino appare dunque ad un bivio. Seguiranno aggiornamenti.
Federico Di Francesco non è conteso da tantissimi club, ma uno è temibile. Si tratta della Roma del padre Eusebio. L'operazione appare assisi remota, ma potrebbero essere poste le basi in questo mese per una operazione estiva, un po' come Napoli e Inter per Verdi.
Altri Rossoblù hanno impressionato alcuni club. Cesar Falletti piace all'Avvellino, disposto a follie pur di abbracciarlo. Il Bologna però non vuole privarsi di un talento dal sicuro avvenire, che tra l'altro gode della stima del proprio allenatore. Dunque l'uruguagio non si muoverà dalle Due Torri, salvi colpi di scena sempre possibili nel calciomercato.
Sebastien De Maio invece potrebbe lasciare la Dotta per trasferirsi allo Stoke City. Il francese è un'ottima riserva, ma di fronte ad una offerta adeguata potrebbe partire.
Stesso discorso per Saphir Taider. L'algerino è stato impiegato col contagocce in questa stagione ed è intenzionato a cambiare aria per rilanciare la propria carriera. Andrà individuata la sistemazione più adeguata per lui e per il Bfc.
I sostituti del classe 1992 sono tre: Blerim Dzemaili, Michele Cavion e Pajtim Kasami. L'ex Lazio e Palermo è l'ultima idea felsinea, ma i petroniani sono già partiti all'assalto dello svizzero, appena separato dalla moglie Erjona. L'ex Bologna vorrebbe stare al fianco di sua figlio Luan e per farlo dovrebbe trovare una squadra in Italia. La squadra di Donadoni rappresenta sicuramente la miglior piazza, anche se restano da capire le intenzioni di Bigon e Fenucci, intenzionati a non interrompere il progetto giovani. Seguiranno aggiornamenti.
Cavion, il mediano della Cremonese è un obiettivo secondario, anche se lombardi ed emiliani hanno già allacciato i primi contatti. Rimane una pista percorribile.
I sogni rossoblù di questo mercato invernale non saranno molti, anche se due nomi sono davvero molto interessanti. Marko Rog e Riccardo Orsolini sono due operazioni uniche, ma estremamente complesse. Il centrocampista napoletano richiederebbe costi elevati o il rischio di perdere una pedina importante come Verdi. Due condizioni che non piacciono per niente a Bigon. Al Ds del Bologna non piace nemmeno la situazione Orsolini. L'attaccante della Juventus non ha trovato minutaggio con l'Atalanta e sarebbe alla ricerca di una nuova sistemazione. La piazza felsinea sarebbe l'ideale per Riccardo e per i bianconeri, ma i bolognesi non accetterebbero tanto volentieri la formula di prestito secco.
Poche ore e il calciomercato ricomincerà, mettendo alla prova Bigon, chiamato a resistere dagli attacchi delle big.

Davide Mariani

Tifo Bologna, amo il calcio, il tennis ma anche la musica!