RdC - Donadoni tra 4-3-3 e 4-2-3-1 - 6 Gen

Scritto da  Gen 06, 2018

Anno nuovo...solita vita. Donadoni spera di ripartire da dove aveva lasciato: 5 vittorie lontane dal Dall'Ara sono una cifra importante che hanno contribuito alla (più che dignitosa) classifica della squadra.
Per ricominciare, il mister potrebbe riproporre il marchio di fabbrica che gli ha permesso di sbancare gli stadi di Benevento, Sassuolo, Genoa e due volte Verona: il 4-3-3, anche perché l'allenatore ha affermato di non voler iniziare la partita sapendo che, dopo un tot di minuti, occorrerà fare un cambio. Non è da escludere, però, che le alternative a centrocampo (poche ma col ritorno di Poli) e quelle in attacco (tante) possano far dirottare sul modulo provato in settimana: il 4-2-3-1, nel quale Di Francesco e Palacio non danno certezze a causa dello scarso minutaggio nelle gambe.
Solamente tra poche ore Donandoni scioglierà i suoi dubbi, magari anche in relazione al modulo che il neo tecnico granata Mazzarri adotterà.
Nel frattempo, da registrare la scomparsa di Romano Carati, storico massaggiatore della squadra dal 1965 al 1987.

Sebastiano Moretto

Studente di Scienze della Comunicazione col pallino del pallone e del giornalismo. Quando la domenica vado a messa, mi dirigo verso lo stadio.