Primavera, Inter – Bologna 2-1. Gol al debutto per Avenatti, ma è l’Inter a vincere (in 10) – 13 gen

Scritto da  Gen 13, 2018

 

 

La prima partita dell’anno solare, nonché l’ultima del girone d’andata non poteva essere più ostica per i rossoblù di Emanuele Troise, che hanno dovuto affrontare la capolista Inter a Milano. I nerazzurri di Stefano Vecchi, freschi vincitori della Supercoppa Italiana ai danni della Roma di De Rossi, uno degli avversari più tosti e qualitativamente difficili da sfidare, si presenta con un 4-3-1-2 in quel di Sesto San Giovanni, con Zaniolo a supportare le due punte Belkheir e Colidio. Per il Bologna finalmente il debutto di Felipe Avenatti, che in avanti è affiancato da Pattarello e Kingsley, con Cassandro che in difesa prende il posto di Mantovani.

Alla prima occasione è Zaniolo a portare avanti i suoi: cross di Emmers, Belkheir non riesce a concludere in porta, arriva il trequartista che, con un debole tocco, supera Ravaglia, molto incerto nell’occasione, con il pallone che sembrava in suo possesso. 6 minuti di gioco e padroni di casa avanti, con i rossoblù già costretti a inseguire. Le uniche ripartenze felsinee sono affidate alla forza e alla velocità di Michael Kingsley che, sulla corsia di destra riesce spesso a mettere in difficoltà il terzino nerazzurro, mentre il resto della squadra bolognese fatica a seguire il giovane nigeriano.

Ed è proprio lo stesso Kinglsey a sfiorare il gol: grande azione di Frabotta sulla sinistra, pallone scaricato su Avenatti nell’inconsueta posizione di esterno sinistro che, di prima intenzione, crossa di mancino in area; sul pallone si avventa proprio il numero 10 che con il piatto destro spara fuori di pochissimo. Dopo 5 minuti è l’attaccante uruguagio che, servito da Mazza dopo una buona percussione del mediano, non inquadra la porta: il Bologna finalmente riesce a farsi vedere e a rendersi pericoloso.  Dopo 35 minuti si mette in mostra anche Pattarello: è il solito Frabotta a servirlo, con l’attaccante che da posizione defilata spara in porta non trovando lo specchio; felsinei in partita.

Dopo una ventina di minuti di apnea si riaffacciano in area di rigore rossoblù i ragazzi di Vecchi che, dagli sviluppi di calcio d’angolo, provano a raddoppiare, con Ravaglia che fa del suo meglio per impedire il gol. Sul ribaltamento di fronte il Bologna si rende pericolosissimo con una conclusione che viene deviata involontariamente da Lombardoni, sulla quale è bravissimo Pissardo a spedire in angolo.

Il secondo tempo si apre come meglio non potrebbe: lancio lunghissimo di Cassandro per Pattarello, difesa nerazzurra che legge  male la sventagliata, Pissardo è costretto ad uscire ma abbatte l’attaccante. Cartellino rosso e nerazzurri in 10. Sulla conseguente punizione si è presentato Avenatti che, col mancino, è andato vicinissimo al pareggio con un bellissimo tiro. Al 60’ è Mazza a rendersi pericoloso: stop, un’occhiata al portiere ( Dekic, il secondo estremo difensore), e il tiro, deviato in angolo. Ed è proprio lo stesso Mazza a lasciare spazio, pochi minuti dopo, a Stanzani, non prima dell’occasionissima di Cozzari da calcio d’angolo, ben parata dallo stesso Dekic. Poi, la sfortuna: Frabotta salta il diretto avversario, pallone in mezzo per Pattarello che di prima intenzione tira in porta, a botta sicura. Parato! Già, ma da chi? Da Kingsley, che incredibilmente si trovava nella traiettoria del tiro: Inter ancora avanti.

Già, ancora avanti ma per poco: al 70’ Valencia alza la testa, serve con un pallone morbidissimo Avenatti che controlla e col mancino colpisce forte e teso, non lasciando chance a Dekic, trafitto sul palo lontano. Bologna che finalmente agguanta il pareggio!

Il Bologna attacca a testa bassa, e continua a sfiorare il gol del vantaggio: Kingsley appoggia su Cozzari che di prima prova la grandissima conclusione di destro, deviata in angolo da Dekic.

Poi, dejavù. Va così da inizio anno: Rover lavora un buon pallone, scarica su Emmers che di destro, a 5’ dalla fine, riporta avanti i suoi, nonostante l’inferiorità numerica. Ecco allora che oltre a Djibril entra anche Uhunamure, con la speranza di poter riacciuffare il match: ed è proprio lo stesso Uhunamure che ha la chance di pareggiare la partita, ma è bravo Dekic a spedire in angolo.

Quella dell’attaccante è di fatto l’ultima occasione del match, con l’arbitro che dopo 3 minuti di recupero manda tutti nello spogliatoio.

Bologna che sembrava potersi portare a casa quantomeno un punto, ma che torna a casa con le tasche vuote e il morale sotto i piedi, soprattutto per come è arrivata la sconfitta. Buonissima notizia il gol e il debutto di Felipe Avenatti, che dimostra di essere abbastanza integro fisicamente: potrà essere un’arma in più per la truppa di Donadoni?

Settimana prossima prima gara del girone di ritorno, sfida contro la Juventus al Cavina di Borgo Panigale per provare ad invertire la rotta. Dai Cinni!

 

TABELLINO DELLA GARA

INTER: 1 Pissardo; 2 Zappa, 4 Bettella, 6 Lombardoni, 3 Corrado; 7 Schirò (dal 47' 12 Dekic), 5 Rada, 8 Emmers; 10 Zaniolo; 9 Belkheir (dal 62' 20 Rover), 11 Colidio (dall'81' 22 Mutton).

A disposizione: 21 Tintori, 13 Rizzo, 14 Valietti, 15 Nolan, 16 Pompetti, 17 Gavioli, 18 Danso, 19 Brignoli, 23 Adorante.

Allenatore: Stefano Vecchi

BOLOGNA: 1 Ravaglia, 2 Cassandro, 3 Frabotta, 4 Mazza (dal 62' 17 Stanzani), 5 Brignani, 6 Busi, 7 Valencia (dall'81' 16 Djibril), 8 Cozzari (dall'87' 18 Uhunamure), 9 Avenatti, 10 Kingsley, 11 Pattarello.

A disposizione: 12 Peqini, 13 De Luca, 14 Balde, 15 Mantovani

Allenatore: Emanuele Troise

 

AMMONITI: Schirò (I), Cassandro (B)

ESPULSI: Pissardo (I)

 

 

CLASSIFICA COMPLETA

P Squadre Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte Gol Fatti Gol Subiti Diff. Reti Punti
1 Atalanta 15 10 3 2 35 13 + 21 33
2 Inter 15 10 3 2 25 12  + 13 33
3 Roma 14 7 4 3 28 22 + 6 25
4 Juventus 15 7 4 4 21 18 + 3 25
5 Fiorentina 15 7 2 6 25 19 + 6 23
6 Milan 15 7 2 6 17 18 + 1 23
7 Torino 14 7 1 6 23 17 + 6 22
8 Chievo 15 6 3 6 21 24 - 3 21
9 Genoa 15 5 4 6 21 29 - 8 19
10 Hellas 15 5 3 7 18 22 - 4 18
11 Udinese 15 5 3 7 19 27 - 8 18
12 Napoli 15 4 4 7 19 29 - 10 16
13 Sassuolo 15 4 3 8 23 28 - 5 15
14 Lazio 15 3 5 7 17 22 - 5 14
15 BOLOGNA 15 3 4 8 19 20 - 1 13
16 Sampdoria 15 3 4 8 16 27 - 11 13

 

Ultima modifica il Domenica, 14 Gennaio 2018 13:05
Giacomo Guizzardi

Nato e cresciuto in periferia, inizia a collaborare con 1000 Cuori Rossoblu nel novembre del 2015. Al momento gestisce tutto ciò che riguarda la Primavera del Bologna, tra approfondimenti, cronache dei match e calciomercato.
Calciatore fallito, aspirante giornalista.