RdC - Bigon: "Lavoro per il futuro" - 3 feb

Scritto da  Feb 03, 2018

Riccardo Bigon è uno di quelli seri, competenti, che sorride solo quando le cose vanno veramente per il verso giusto. Lui ci crede e nella intervista rilasciata ieri a Marcello Giordano, ha espresso pochi concetti, ma pesanti come macigni. Su Donsah e Verdi: "La verità è che i ragazzi stanno bene qui e che iniziano a capire ed apprezzare cosa significhi giocare nel Bologna, perché nessuno di loro ha spinto per andarsene". Il Bologna su questo punto è stato molto attento e chiaro, dando a loro la possibilità di scegliere ma senza svenderli perché: "Non abbiamo bisogno di vendere, tutto qui e questo, per un club, è un segnale di forza". Segnale di forza, che non significa che a giugno nessuno se ne andrà, ma"...Verdi potrebbe rimanere come no, ma il mio lavoro è preparare il futuro, lavorando oggi per la prossima stagione e anche quella successiva, preparando i ricambi", seguendo un piano ben preciso. Nel sentirlo parlare si percepisce che si è usciti (come Societa Bfc) dall'era della "stretta necessità" e dell'improvvisazione e si è entrati nella pianificazione programmata pluriennale. "Paz arriverà a giugno, mentre  Orsolini, che seguivo da anni, rimarrà con noi fino al 2019 e sul quale vantiamo un diritto di riscatto, senza la quale condizione non lo avremmo mai preso". Il discorso gira anche sulle scadenze  come quelle di Masina e Palacio:" Per Adam, nella peggiore delle ipotesi, giocherà fino a scadenza, mentre con Rodrigo c'è già un'intesa di massima, rimane solo da verificare se rientrerà in Argentina per gestire alcune situazioni a lui legate, per il resto noi siamo qui". Chiude l'intervista parlando di se stesso:"Con la dirigenza e la proprietà il rapporto è talmente buono che il mio contratto non ancora rinnovato non crea alcun problema: nella mia testa mi vedo ancora qui per 10 o 20 anni". Magari per vedere insieme alzare il primo trofeo a questa gloriosa Società, questo sarebbe il migliore auspicio e conferma dell'ottimo lavoro svolto. Buon lavoro, Riccardo.

 

(Fonte Marcello Giordano - RdC - Photo Valentino Orsini)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"