Rodrigo Palacio Rodrigo Palacio Il Resto del Carlino

L’Uomo della Domenica: Rodrigo Palacio – 12 feb

Scritto da  Feb 12, 2018

 

 

 

Nella mediocrità che il Calcio italiano ieri ci ha offerto (ben poche le partite divertenti) è d’obbligo spostarsi su quella che coinvolgeva il Bologna Fc 1909, impegnato a San Siro contro l’Inter.

Ieri, è stato il festival della pochezza tecnica e degli errori individuali: una partita imprecisa, in generale, da ambo le parti che, siamo sinceri, poteva anche finire in parità. Forse no, nel senso che l’Inter ha rischiato seriamente di segnare più volte il terzo gol, ma, alla fine dei conti, una X non sarebbe stata nulla di così scandaloso.

Più ombre che luci a San Siro, ci scusi Vecchioni, ma dopo il match di ieri è doveroso dirlo: una delle poche, flebili fiammelle rossoblù è stata Rodrigo Palacio, autore del gol felsineo che aveva inizialmente riequilibrato l’incontro dopo l’erroraccio di Miranda. Palacio non esulta, quasi chiede scusa (sono cose che non capirò mai, ma vabbè) e il Bologna ritrova quel minimo di verve. Probabilmente lasciata negli spogliatoi, visto il secondo tempo disastroso della squadra felsinea e anche di questo potremmo parlarne mesi.

Ma tant’è, Palacio gioca dal 1’, segna e poi, però, arranca terribilmente: 36 anni non sono pochi, ecco perché giocatori del genere, secondo me, andrebbero centellinati, anche considerando l’apporto che hanno sul match. E intanto Destro scalpita, e magari si arrabbia pure.

Il Bologna è squadra mentalmente: in questo dovrà essere realmente bravo Donadoni. Far capire potenzialità e limiti ad una squadra che, in realtà, ha valori e possibilità non indifferenti. Se riuscirà a far questo, si potrà dire che il tecnico bergamasco avrà portato a casa un’altra grande vittoria.

Ah, piccolo appunto: il rosso a Masina è sacrosanto ed è altrettanto giusto dargli più di una giornata. È un fallo brutto, stupido, inutile e che rischiava seriamente di porre fine alla stagione di Lopez in maniera brusca. Togliamoci il velo della soggettività ogni tanto

Ultima modifica il Martedì, 13 Febbraio 2018 21:54
Giacomo Guizzardi

Cresciuto in periferia, inizia ad appassionarsi al mondo del pallone quando scopre la cultura della sofferenza fisica e morale. Dopo qualche comparsata in radio locali, inizia a collaborare con 1000 Cuori Rossoblu anche attraverso la trasmissione "Al Ritmo del Goal". Aspirante scrittore e giornalista, calciatore fallito.