CorrBo - Saputo fa 100 in Serie A, ma le statistiche fanno riflettere - 15 Feb

Scritto da  Feb 15, 2018


Bologna centenario, ma solo riguardo alle partite in Serie A dopo l'acquisto della squadra da parte della proprietà americana. C'è poco (anzi, quasi nulla) da festeggiare perché a parte un successo col Napoli, la vittoria col Milan a San Siro e tre pari tra Juve e Roma, il risultato più comune in questi due anni e mezzo è la sconfitta: 50 partite perse, 30 vinte e 20 pareggiate.
Tutti conti tondi che, però, non fanno trovare la quadratura del cerchio.

Facendo i conti in casa propria, con le 50 partite al Dall'Ara, sono arrivate 24 sconfitte, 16 vittorie e 10 pareggi. Il Bologna non piace e lo dimostrano anche altre "piccole" prove come le due eliminazioni in Coppa Italia con Pavia e Cittadella (l'altra, più comprensibile, con l'Inter) e le due umiliazioni dell'anno scorso con Napoli (1-7) e Milan (0-1 ma in 11 contro 9).
Sul tavolo degli imputati, nemmeno a dirlo, Donadoni perché il suo classico "Dobbiamo crescere e migliorare" non ha trovato riscontro nei fatti.

Ma se il mister non fa i salti di gioia, la società non è da meno. Il progetto tecnico-sportivo arranca sul campo ma, purtroppo, non è come nella maggior parte dei casi in cui si sacrifica sul mercato un giocatore e si fa cassa. Ok, c'è Verdi, ma non ha le potenzialità (da solo) per farlo.
Chi potrebbe aiutarlo è Pulgar... sì, ma dopo chi gioca? Va bene cercare il jolly vendendo un giovane, ma due è un po' troppo (senza contare che il mercato sta assumendo forme sempre più violente, ragion per cui se non si trova un giocatore da far crescere in modo sicuro, si sperpera e basta).

A proposito di nuove speranze, se la prima squadra non diverte, la Primavera non è da meno. La posizione di mister Troise sta traballando perché si trova al terzultimo posto (in coabitazione con la Sampdoria) e i fantasmi di una retrocessione sono da tenere conto.
Un ulteriore dato da sottolineare sono le sole convocazioni di Frabotta e Rocchi, rispettivamente nell'Under 19 e Under 16 azzurra, ma sarebbe inopportuno e ripugnante farlo pesare, anche perché le tre Under stanno disputando sicuramente una buona stagione.

Ultima modifica il Giovedì, 15 Febbraio 2018 08:48
Sebastiano Moretto

Studente di Scienze della Comunicazione col pallino del pallone e del giornalismo. Quando la domenica vado a messa, mi dirigo verso lo stadio.