Fabrizio Brignani, Capitano della Primavera rossoblù Fabrizio Brignani, Capitano della Primavera rossoblù Foto di Valentino Orsini

Viareggio Cup, Bologna – Deportes Quindio 1-3: I rossoblù salutano anzitempo la competizione – 18 mar

Scritto da  Mar 18, 2018

Si doveva necessariamente vincere, e sperare che il Destino facesse il suo corso nella partita tra Cagliari e Rigas, ma così non è stato. Non servirà nemmeno aspettare l’esito dell’altra partita del girone per sapere che il Bologna saluta la Viareggio Cup con 2 sconfitte e 1 pareggio, 2 gol fatti e 8 subiti. Male, malissimo. Ultimo posto in un girone che doveva essere superato, al fine di tenere alti i colori rossoblù almeno nel Torneo, ma così non è stato. La squadra allenata da Mister Troise ora non potrà far altro che tornare a casa, sotto Le Due Torri, ritrovarsi a Casteldebole e discutere su cosa realmente non stia andando all’interno dello spogliatoio, in senso puramente tecnico. Un problema c’è, speriamo si riesca a trovarlo quando il tempo non sarà avverso.

Felsinei che si presentano, per l’ultima sfida del girone, con un 4-3-1-2 per larghi tratti inedito, con molte assenze (Ghini e Kingsley su tutti, ma per motivi diversi) e che è costretto quindi a reinventarsi: dietro giocano Brignani e Frabotta come centrali, mentre a centrocampo trovano spazio Mazza, Lidin e Valencia. Stanzani come suggeritore alle spalle di Mutton e Djibril.

La partenza è subito drammatica: dopo 7’ Cardenas scappa a Pellacani, mette in mezzo e Gamboa riesce a stoppare la sfera e, con uno splendido colpo di tacco, a servirla all’accorrente Cortes che non sbaglia da pochi metri. Il Bologna si fa vedere solo dopo 20 minuti, ma il tiro di Mutton è debole e di facile lettura da parte di Sierra.

Al 33’ raddoppio Deportes: Escobar si guadagna una punizione da posizione interessante, sul pallone si presenta Rivas che, senza indugi, spiazza Ravaglia, con il pallone che finisce dritto all’incrocio. Felsinei che, in chiusura di primo tempo, riescono a colpire persino una traversa, senza mai rendersi pericolosi.

La ripresa si apre con un paio di cambi per i rossoblù, con la speranza, più che obiettivo, di provare a ribaltare il risultato: al 55’ trova la rete del 2 a 1 Valencia che, dopo un batti-ribatti in area colombiana riesce a trafiggere il portiere del Deportes. Sogni che vengono infranti dieci minuti dopo quando Mina, dopo aver saltato netti sia Brignani che Frabotta, serve senza problemi Cardenas, al quale non resta che appoggiare in rete il pallone.

Un Viareggio pessimo e a tratti disastroso per i rossoblù, che sicuramente non si aspettavano di salutare così presto il Torneo. Ora non resta altro da fare che prepararsi mentalmente e fisicamente per il Campionato, al fine di conquistare una Promozione, che detta sinceramente, pare più un miraggio che un obiettivo alla portata…

Chi di dovere, dall’allenatore a, soprattutto, i dirigenti del settore giovanile, dovranno farsi due domande, questo è certo.

Giacomo Guizzardi

Nato e cresciuto in periferia, inizia a collaborare con 1000 Cuori Rossoblu nel novembre del 2015. Al momento gestisce tutto ciò che riguarda la Primavera del Bologna, tra approfondimenti, cronache dei match e calciomercato.
Calciatore fallito, aspirante giornalista.