Calciomercato Bfc - Inzaghi rossoblù. Ora parte la rivoluzione - 13 giu

Scritto da  Giu 13, 2018

Il Bologna si è mosso con largo anticipo sul calciomercato, così da rinforzare la squadra dopo la pessima stagione appena disputata.
Tuttavia, a parte la cessione prevedibile di Simone Verdi al Napoli per 20 milioni più bonus, la società non ha potuto concludere alcuna operazione, visto che era priva di un allenatore dopo l’esonero di Roberto Donadoni. Ora, con l’arrivo ufficiale di Filippo Inzaghi, i felsinei possono procedere alla rivoluzione della rosa.
Pochi minuti fa è stata resa ufficiale la cessione di Alex Ferrari alla Sampdoria, con la formula del prestito con obbligo di riscatto. La cifra del riscatto obbligatorio sarà intorno ai 4,5 milioni.
Con tutta probabilità il prossimo giocatore a lasciare Bologna sarà Adam Masina. Il classe 1994 ha rifiutato più volte il rinnovo che la società gli aveva proposto e così si aprono le porte del Watford. Il club inglese ha un accordo con il Bfc sulla base di circa 8 milioni più bonus. Si stanno limando i dettagli e nel corso della prossima settimana potrebbe arrivare la fumata bianca.
Il Ds Riccardo Bigon cerca di incassare il maggior numero di milioni dalle cessioni, così da effettuare utilissime plusvalenze.
Federico Di Francesco è sulla lista dei possibili partenti e sulle sue tracce si è fatta avanti l’Atalanta, pronta a fare follie. La valutazione del figlio d’arte è però intorno ai 10 milioni. Secondo i colleghi di Sky Sport, però, la trattativa è ben avviata.
Un altro nome caldo in uscita è quello di Erick Pulgar. Il cileno costa circa 13 milioni, ma nonostante ciò ha tantissimo mercato sia in Italia (Fiorentina in pole), che all’estero. È abbastanza probabile che il ragazzo possa lasciare Bologna, ma i rossoblù dovrebbero portare i rinforzi proprio dal Venezia, ex club di Inzaghi. Il nuovo tecnico emiliano, infatti, potrebbe portare in dote i centrocampisti Mattia Pinato e Leo Stulac, oltre che al portiere Emil Audero. L’estremo difensore di proprietà della Juventus potrebbe prendere il posto di Angelo Da Costa, sempre più lontano dalle Due Torri. L’alternativa ad Audero (pista molto complicata) si chiama Vanja Milinkovic-Savic, pronto a lasciare Torino con la formula del prestito. Attenzione alla Spal.
Il problema maggiore dei rossoblù è però l'attacco. Mattia Destro non è riuscito ad incidere nell’era Donadoni, complice il rapporto burrascoso con il tecnico. Ora potrebbe rilanciarsi con l’arrivo di Inzaghi, il quale lo allenò ai tempi del Milan. La decisione sul futuro di Destro spetterà a Pippo, che sicuramente si concederà un po’ di tempo per valutarlo. Nel caso in cui il bomber ex Roma lasciasse il capoluogo, i felsinei hanno già pronti tre nomi: Roberto Inglese, Kevin Lasagna e Alberto Paloschi.
Secondo l’esperto di calciomercato Alfredo Pedullà, la dirigenza bolognese avrebbe chiesto al Napoli l’attaccante ex Chievo, ricevendo però una risposta negativa, visto che Inglese sarebbe il sostituto dell’infortunato Milik. Con le valutazioni di Ancelotti si conoscerà meglio il futuro di Roberto.
KL45 è il nome più caldo, anche se è nel mirino di diverse società italiane di alto livello.
Invece, Alberto Paloschi è appena stato riscattato dalla Spal, ma la punta si è sempre ispirata a Filippo Inzaghi e per questo motivo si potrebbe materializzare al più presto una trattativa con la società ferrarese.

Davide Mariani

Tifo Bologna, amo il calcio, il tennis ma anche la musica!