Di Francesco-Falcinelli: uno scambio puramente "tattico" - 26 giu TuttoSport

Di Francesco-Falcinelli: uno scambio puramente "tattico" - 26 giu

Scritto da  Giu 26, 2018

E' in via di definizione lo scambio tra Bologna e Sassuolo, che vedrà come protagonisti Di Francesco e Falcinelli. Ha sorpreso un po' tutti la trattativa portata avanti qualche giorno fa e che probabilmente si concluderà in settimana, visto che su Di Francesco il Bologna sembrava puntare parecchio. Il motivo della sua cessione però è principalmente di natura tattica, visto che Federico è sì un esterno, ma con caratteristiche offensive, e obbligarlo a fare il quinto di centrocampo nel 3-5-2 pensato da Inzaghi è una soluzione quantomeno forzata.  Donadoni, a dir la verità, lo ha provato spesso in quel ruolo, e anche con discreti risultati, ma evidentemente Inzaghi non lo ha ritenuto adatto, anche perchè in quella zona di campo SuperPippo ha sempre utilizzato due terzini più che due esterni. Mettendoci dentro anche la voglia di Di Francesco di farsi vedere in una nuova realtà, in un ruolo sicuramente a lui più congeniale (con De Zerbi giocherà esterno nel 4-3-3) capiamo tutti i motivi dello scambio.

Il sostituto sarà Falcinelli, sicuramente non un esterno, ma una punta, che con il 3-5-2 ha fatto vedere le cose migliori. Nell'incredibile salvezza del Crotone, lui giocava insieme a Trotta nel duo offensivo, e in quella stagione arrivò a quota 13 gol, contribuendo e non poco allo strepitoso campionato dei calabresi.
Non una punta fortissima, non ha mai segnato tanto, ma comunque un buon giocatore che qui a Bologna avrà la sua grande chance, dopo diverse stagioni in prestito e poco fortunate come l'ultima a Firenze.

Non so chi sia più "forte" nel complesso tra i due, la cosa certa è che lo scambio verrà fatto principalmente per questioni tattiche.

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.