Resto del Carlino - In difesa spuntano i nomi di Zapata e Salamon

Scritto da  Ago 08, 2018

Partiamo da un punto fondamentale: l'anno scorso la difesa rossoblù fu la 11sima del torneo di Serie A, segnale che i mali che affliggevano il Bologna non provenivano tutti dalla retroguardia. Certo è che quanto visto contro Huddersfield e Norimberga, in termini di tenuta, ha fatto sviluppare riflessioni alla dirigenza rossoblù, per cercare di migliorare quello che ad oggi è il reparto che potrebbe necessitare di interventi "mirati" (leggasi centrale, ndr). Per questo la partita di Coppa Italia sarà fondamentale per prendere determinate decisioni e sviluppare le idee che potrebbero portare maggiore qualità alla difesa. Le idee partono dal nome di Lorenzo Tonelli, costoso e ancora con una formula voluta da De Laurentiis che non è vista di buon occhio dal Bologna: obbligo di riscatto anziché diritto. A più buon mercato si possono trovare nomi come Ranocchia (però il cui ingaggio è proibitivo), il viola Sanchez (che avrebbe lo stesso problema di ingaggio di Ranocchia). Più abbordabili risultano al momento Zapata del Milan (31 anni) il cui contratto scade fra un anno, ma dovrebbe ridursi il 1,8 milione di ingaggio e Barrosz Salamon (27, Spal) assistito da Raiola, lo stesso che ha chiuso l'affare Corbo con il Bologna. Infine Bonifazi del Torino e dell'Under21, che a 22 anni potrebbe essere l'acquisto futuribile giusto, anche se attualmente è alle prese con un percorso di rieducazione fisica dovuto ad un intervento chirurgico subito. Insomma la qualità non si sposa con i prezzi di saldo, ma Bigon è certo che alla fine (cioè fra al massimo 10 giorni), ci sarà l'occasione giusta per dare ad Inzaghi la pedina mancante.

 

(Fonte M. Giordano . RdC - Photo Torcidagranata)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"