Stampa questa pagina
Al centro Filip Helander Al centro Filip Helander Sara Melotti (foto d'archivio)

Il Resto del Carlino - Casteldebolourdes: anche Helander e Falcinelli out, Inzaghi conta i superstiti

Scritto da  Set 15, 2018

Si parte per Genova oggi e qualcuno suggerisce che, nel dopo partita, si prolunghi il viaggio per Lourdes, per fare benedire la squadra: l'infermeria questa settimana si è riempita di altri due giocatori, senza che (di fatto) ne restituisse alcuni pronti a giocare a Marassi. Andiamo per ordine: durante uno scontro di allenamento ieri, Helander ha subito una distorsione al ginocchio destro, con conseguente stiramento del legamento collaterale destro.Il difensore svedese ne avrà per circa un mese, uscendo dalle rotazioni del Mister. Essendo infortunato anche Paz, potrà essere il momento di lanciare Calabresi? Inoltre, sempre in allenamento, anche Santander è uscito malconcio da uno scontro fortuito: ieri è rientrato in gruppo, ma ha messo in forse la sua presenza contro i rossoblù genoani. Infine Falcinelli ha avuto un attacco influenzale e difficilmente salirà sul pullman quest'oggi insieme ai compagni, per raggiungere il capoluogo ligure. Considerando che Palacio ha da poco rimesso gli scarpini chiodati (e quindi non è al 100% della sua condizione fisica), Inzaghi dovrà inventare un nuovo 11 da schierare contro gli uomini di Ballardini: quasi scontato il terzetto De Maio, Danilo, Gonzalez, davanti a Skorupski, il centrocampo potrebbe riproporre il terzetto di titolari che fin qui ha sempre giocato: Poli, Dzemaili, Pulgar, ma con un occhio di attenzione a Svamberg e Orsolini, che nella loro "settimana internazionale" hanno ben figurato con le loro rispettive nazionali. Sulle fasce saranno Mattiello e Djiks a mulinare avanti indietro, mentre in avanti, in settimana, è stato provato Okwonkwo di fianco alla prima punta, che a questo punto potrebbe essere Destro, viste le non ottimali condizioni dei compagni di reparto. Sarà importante recuperare il prima possibile il resto della truppa per Inzaghi, perché ci aspetta un dittico mostruoso nelle prossime due partite: Roma e Juve, rispettivamente in casa e allo Stadium, con un conseguente possibile peggioramento della classifica. Ma Pippo, dall'alto della sua esperienza, non è uomo che si abbatte e saprà dare la carica giusta alla sua truppa, per iniziare ad uscire con dei punti dalla tana del Grifone.

 

(fonte Marcello Giordano - RdC - Photo Sara Melotti)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"