Stampa questa pagina
Rodrigo Palacio Rodrigo Palacio Alessandro Sgarzi

Il Resto del Carlino - I dubbi di Inzaghi sull'11 anti Toro

Scritto da  Ott 20, 2018

Doveva essere un "rientro" vero, con tutti gli effettivi a sua disposizione, ma, dopo la sosta per le Nazionali, a Filippo Inzaghi mancheranno, per svariate ragioni,alcuni elementi. Partiamo dai rientrati: Helander, Palacio, Poli e Donsah, disponibile contro gli uomini di Mazzarri, non sono sicuramente al top della condizione, rientrando chi dopo tre settimane, chi dopo oltre un mese di infortunio. A questi si aggiungono gli infortuni delle ultime giornate: Krejci (il più grave) e Mattiello ( a cui sono stati diagnosticati circa due o tre settimane per il rientro) allungano la lista degli indisponibili (o quantomeno dei "poco utilizzabili"). A questa lunga lista, purtroppo , si aggiunge Mattias Svanberg, rientrato acciaccato dalla settimana con la sua Nazionale e il suo utilizzo è condizionato al via libera dello staff medico per non allungare lista degli indisponibili. Se nulla osterà, Mattias scenderà in campo fra i titolari, altrimenti potrebbe esserci un ballottaggio fra Poli (a cui Inzaghi potrebbe concedere un certo minutaggio per permettergli di rientrare il prima possibile in condizione ottimale) e Orsolini, nella versione mezzala. Anche in avanti il dubbio che si presenta potrebbe essere il medesimo: Palacio, al rientro dopo un lungo stop, o Falcinelli, anche lui alle prese con un problema fisico che ne ha limitato gli allenamenti negli ultimi giorni. Infine la difesa: scontato l'utilizzo di Danilo e De Maio, potrebbe esserci un ballottaggio fra Calabresi e Helander, per cui vale lo stesso ragionamento di Poli. Sulle fasce le uniche sicurezze: Mbaye e Dijks che garantiranno fisicità e protezione alla difesa. In cabina di regia l'ultimo dei ballottaggi possibili: Nagy o Pulgar, che però è rientrato solo giovedì e potrebbe avere il fuso orario da smaltire, dopo la trasvolata oceanica dal Cile.

 

(Fonte Marcello Giordano - RdC - Fonte RdC . Photo Alessandro Sgarzi)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"