Radio Casteldebole 23 Ottobre

Scritto da  Ott 23, 2018

Sole su Casteldebole, dove la ripresa dei lavori post-Torino è avvenuta in clima tutt'altro che autunnale, certo non in linea con un calendario che vede ottobre ormai agli sgoccioli; dopo la folle domenica trascorsa, con l'eco del 2-2 in rimonta che ancora vive nella mente dei tifosi, Pippo Inzaghi comincia l'avvicinamento al Sassuolo con una partita a ranghi ridotti, sette contro sette, con in campo per lo più giocatori non utilizzati nell'ultima partita.

Che formazione vedremo al Mapei Stadium? Probabilmente un undici più prudente del 3-4-1-2 di domenica scorsa, perché di fronte vi sarà una squadra che segna e che è ad oggi il quarto attacco del campionato; per questo Riccardo Orsolini potrebbe lasciare il suo posto a Svanberg, o anche a Erik Pulgar, voglioso di tornare dal primo minuto. Per il resto, i cambiamenti dovrebbero ridursi al minimo: testa a testa Palacio-Falcinelli per giocare affianco a Santander e De Maio-Helander per una maglia da titolare in difesa.

Vi lasciamo con le fotografie scattate a Casteldebole da Alessandro Sgarzi. 

Ultima modifica il Giovedì, 25 Ottobre 2018 12:01
Stefano Brunetti

Bolognese e bolognista, blogger e poeta, filosofo e asceta, con particolare passione per i colori rossoblù: scrivo sul Bologna da quando sono in fasce, o forse anche prima. Autore su Mondo Bologna, ma anche scrittore, cantante, musicista: con Bologna sempre al centro, come unica fonte d'ispirazione. Cosa ne penso di Destro? Non penso. Pro o contro Donadoni? Neutro. Perché la maglia vien prima di tutto. Datemi dell'ignavo, del conservatore, del bigotto: ma a parte questo, giuro che ho anche dei difetti. Perché prima di tutto viene lei: la maglia del Bologna. 7 giorni su 7. E la maglia non si contesta: si ama. Anzi, di più: si adora.
Ed io, in fondo, non sono che questo: un adoratore seriale. Di professione.