Erick Pulgar Erick Pulgar Alessandro Sgarzi

Il Resto del Carlino - Pulgar "stira" la sua maglia da titolare

Scritto da  Ott 27, 2018

L'infermeria a Casteldebole sembra un porto di mare. Solo poche settimane fa si stavano per reinserire in gruppo gli ultimi acciaccati ( e fra questi Palacio), mentre oggi gli indisponibili non sono pochi, creando ulteriori problemi di organico a Mister Inzaghi, oltre quelli già acclarati di classifica.  Si stringe i denti e si va in scena, al Mapei Stadium di Reggio Emilia, perchè il derby della via Emilia potrebbe essere un crocevia importante per la panchina del Mister Rossoblù. Oltretutto si perde nella memoria l'ultima vittoria fuori dalle mura amiche e questa potrebbe essere l'ulteriore motivazione per essere corsari in casa di Patron Squinzi, che è milanista (ma questa è un'altra storia). Partiamo da un concetto: questo gruppo fatica sul 3 5 2 ( adorato dal tecnico piacentino) e nella mente del nostro allenatore sta riaffiorando la possibilità di virare sul 4 3 3 (schema che aveva già adottato al Milan e nel primo anno a Venezia), che potrebbe essere maggiormente consono al suo organico. E dato che né Danilo ne Mattiello saranno disponibili, si aprono nuovi scenari per l'11 da schierare con tre i neroverdi di De Zerbi: si prova a recuperare al centro dell'attacco Santander, botta alla coscia permettendo, con Palacio e Orsolini al suo fianco, mentre Okwonkwo e Falcinelli saranno pronti ad essere buttati nella mischia per i sostituire i compagni. Si cambia anche a centrocampo: Pulgar si prepara a rientrare da titolare e riprendersi il suo ruolo in cabina di regia, con a fianco Poli e Dzemaili, quest'ultimo a riposo contro il Toro. Infine in difesa, davanti a Skorupski, ci saranno, verosimilmente Gonzales ed Helander come coppia di centrali, mentre Mbaye si accomoderà sulla fascia di sinistra, lasciando al goleador di domenica scorsa, Calabresi, la fascia destra, in attesa che Mattiello ritorni disponibile. Si gioca alle 12.30 e, vista la poca distanza con Reggio, è una trasferta che si dovrebbe fare in massa, tempo atmosferico permettendo.

Fonte Marcello Giordano - RdC - Photo Alessandro Sgarzi

 

Ultima modifica il Sabato, 27 Ottobre 2018 10:12
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"